Lecceoggi.com - Attualità, cronaca e curiosità in tempo reale dalla provincia di Lecce.
HomeLe donne nella storiaLE DONNE NELLA STORIA: Dolores Clara Fernández Huerta

LE DONNE NELLA STORIA: Dolores Clara Fernández Huerta

LE DONNE NELLA STORIA: Dolores Clara Fernández Huerta

Entrare nella “storia” non è facile e il riconoscimento di solito avviene post mortem, nel caso odierno, invece, si può ben asserire che Dolores Clara Fernández Huerta, nata a Dawson10 aprile 1930 è un’eccezione che conferma la regola.

La Huerta è una sindacalista ed attivista statunitense che, insieme a Cesar Chavez ha fondato la National Farmworkers Association, che in seguito divenne United Farm Workers (UFW). Huerta aiutò a organizzare lo sciopero dell’uva di Delano nel 1965 in California e fu la principale negoziatrice nel contratto dei lavoratori che fu creato dopo lo sciopero.

Ha ricevuto numerosi riconoscimenti per il suo servizio alla comunità e la difesa dei diritti dei lavoratori, degli immigrati e delle donne, tra cui il premio Eugene V. Debs, il premio presidenziale degli Stati Uniti Eleanor Roosevelt per i diritti umani e la medaglia presidenziale della libertà. È stata la prima latinoamericana introdotta nella National Women’s Hall of Fame nel 1993.

Huerta nata da una famiglia di immigrati messicani ed il padre era un minatore di carbone, poi, unitosi alla forza lavoro migrante per la raccolta delle barbabietole in Colorado, Nebraska e Wyoming. Quando Huerta era giovane, sentiva suo padre raccontare storie sull’organizzazione sindacale. Dopo che i suoi genitori divorziarono quando aveva tre anni, raramente vide suo padre. Rimase nel New Mexico e prestò servizio nella legislatura statale nel 1938.

Sua madre incoraggiò la diversità culturale, fondamentale nell’educazione di Huerta a Stockton, e la ispirò a difendere i lavoratori agricoli una volta adulta. Le generose azioni di sua madre durante l’infanzia dettero le basi per la sua posizione non violenta e fortemente spirituale. In un’intervista dichiarò: “Penso che le donne ispaniche abbiano più familiarità con le forze spirituali. Sappiamo cos’è il digiuno e fa parte della cultura. Sappiamo quali sono le relazioni e cos’è il sacrificio”.

Avendo sperimentato l’emarginazione durante l’infanzia in quanto ispanica, Huerta crebbe con la convinzione che la società avesse bisogno di essere cambiata. Frequentò il college presso lo Stockton College dell’Università del Pacifico (in seguito diventato San Joaquin Delta Community College), dove ottenne una credenziale provvisoria per l’insegnamento.

Presto Huerta lasciò il suo lavoro e iniziò la sua crociata per combattere l’ingiustizia economica: «Non riuscivo a tollerare di vedere i bambini venire in classe affamati e bisognosi di scarpe. Pensavo di poter fare di più organizzando i lavoratori agricoli piuttosto che cercando di insegnare ai loro bambini affamati.»

Nel 1955 Huerta aiutò Fred Ross ad avviare il Capitolo di Stockton della Community Service Organization (CSO);

Nel 1960 Huerta cofondò l’Associazione dei lavoratori agricoli, che istituiva unità di registrazione degli elettori e sollecitava i governi locali per i miglioramenti del barrio.

Nel 1962 fondò con César Chávez la National Farm Workers Association, che sarebbe poi diventata il Comitato Organizzatore dei lavoratori agricoli uniti. Huerta è stata l’unica donna a sedersi nel consiglio di amministrazione dell’UFW

Nel 1966 negoziò un contratto tra l’UFWOC e Schenley Wine Company, dimostrando la prima volta che i lavoratori agricoli erano in grado di contrattare efficacemente con un’impresa agricola.

Huerta è presidente della Dolores Huerta Foundation, fondata nel 2002.

Huerta è stata nominata una delle tre donne più importanti dell’anno nel 1997 dalla rivista Ms.

È presidente onorario dei socialisti democratici d’America [31] e attualmente fa parte del consiglio di amministrazione di Equality California.[32]

Le è stato dedicato l’asteroide 6849 Doloreshuerta scoperto dagli astronomi americani Eleanor Helin e Schelte Bus all’Osservatorio di Monte Palomar nel 1979

Huerta ha sostenuto i diritti delle donne nelle campagne femministe durante la sua pausa dal lavoro sindacale. Ha anche combattuto per la diversità etnica.

Ottavia Luciani

Condividi con:

redazione.lecceoggi@gmail.com

No Comments

Leave A Comment