Lecceoggi.com - Attualità, cronaca e curiosità in tempo reale dalla provincia di Lecce.
HomeCronaca e AttualitàLE DOSI SI VACCINO NON DEVONO ESSERE SPRECATE

LE DOSI SI VACCINO NON DEVONO ESSERE SPRECATE

LE DOSI SI VACCINO NON DEVONO ESSERE SPRECATE

Evitare che siano sprecate le dosi giornaliere scongelate e diluite del vaccino anti COVID-19. Sul tema, Davide Bellomo, capogruppo della Lega in Consiglio regionale, presenta un’interrogazione urgente

Il capogruppo della Lega in Consiglio Regionale Puglia, Davide Bellomo, presenta un’interrogazione urgente e chiede che il Presidente Michele Emiliano e l’assessore alla Salute, Pier Luigi Lopalco, spieghino quale strategia la Regione Puglia intenda adottare per evitare che siano sprecate le dosi giornaliere scongelate e diluite del vaccino anti COVID-19 che non dovessero essere inoculate agli aventi diritto prenotati. E, inoltre, se si prevede di utilizzarle per le persone non prenotate che ne dovessero fare richiesta.

In un momento storico che sta piegando i cittadini e l’economia del nostro Paese e della nostra Regione– spiega Bellomo – non possiamo permetterci né ritardi né sprechi, soprattutto se parliamo di vaccini. La ripresa potrà esserci solo quando la gente si sentirà al sicuro e quando lo saremo realmente, ecco perché il piano vaccinale è di fondamentale importanza. Al momento le case farmaceutiche sono in ritardo nella consegna delle dosi di vaccino anti COVID-19 e, quindi, le quantità  distribuite in Italia sono inferiori rispetto al previsto fabbisogno nazionale. In questa delicata fase, buttare un vaccino oltre ad essere eticamente uno spreco è un danno all’immagine della Regione. Considerato, dunque, che è stato segnalato l’avanzo di dosi di vaccino anti COVID-19, a fine giornata e per vari motivi, come possiamo solo pensare di sprecare anche solo una di quelle dosi? Ritengo di fondamentale importanza che il presidente Emiliano e l’assessore Lopalco ci spieghino quale strategia si intende adottare per evitare questo spreco e, soprattutto, come si prevede di utilizzare le dosi avanzate, e se si intende somministrarle anche alle persone non prenotate che ne dovessero fare richiesta. Queste spiegazioni – conclude Bellomo – vanno date subito perché non ci possiamo permettere di perdere ulteriore tempo, nell’interesse della salute dei cittadini”.

Condividi con:

redazione.lecceoggi@gmail.com

No Comments

Leave A Comment