Lecceoggi.com - Attualità, cronaca e curiosità in tempo reale dalla provincia di Lecce.
HomeSportLE NUOVE MAGLIE DEL LECCE SI RAPPORTANO AL MASSIMO COL TERRITORIO E CON I TIFOSI

LE NUOVE MAGLIE DEL LECCE SI RAPPORTANO AL MASSIMO COL TERRITORIO E CON I TIFOSI

LE NUOVE MAGLIE DEL LECCE SI RAPPORTANO AL MASSIMO COL TERRITORIO E CON I TIFOSI

Rappresentano le nostre tradizioni, la nostra arte con Santa Croce, e la passione dei tifosi con la foto della Curva all’altezza del cuore. Maglia voluta fortemente dal Presidente Sticchi Damiani.

Passato e presente; tradizione e slancio verso il futuro sono questi i concetti attuati dagli ideatori delle nuove maglie dei giallorossi; sono propri questi sentimenti questi stati di fatto le caratteristiche più espressive del nuovo tris di kit che indosseranno i giocatori del Lecce stagione 2021/22.

Ieri sono state presentate (vedi nota nell’edizione di ieri) le nuove maglie che saranno usate dai calciatori del Lecce nella stagione che ha preso il via ufficialmente con questo primo atto per poi proseguire oggi con la presentazione del primo volto nuovo, TUIA, e domani con quella dell’esterno scuola Juve, OLIVIERI. avviata.

Le maglie presentate ieri, come al solito, sono tre e, come si è riscontrato da quando a curarne la creazione e la stessa società giallorossa col marchio M908, credo che anche stavolta riscuoteranno il consenso dei tifosi ormai abituati a vestirsi con i colori sociali quando partecipano dalla tribuna (speriamo presto) agli eventi agonistici.

Di seguito cercherò di presentarle una per una:

GIALLOROSSA è la prima maglia quella ufficiale.

È stata associata, in fase di presentazione, all’icona della tradizione. È, infatti, a righe di ampiezza medio-sottile giallorosse ribadendo ancora una volta il

trend andato storicamente per la maggiore, della divisa casalinga del Lecce.

Andando nel dettaglio, però, le novità non mancano affatto: a partire dai colori con il giallo più chiaro, più tendente al pastello, mi ricorda molto quello della divisa total yellow di fine anni ottanta. La manica è interamente gialla, con piccoli inserti rossi e blu, è questo non si vedeva da tempo; cos’ come per quanto concerne il colletto a V, giallo con bordo sottilissimo interamente giallo. Quest’ultimo, dunque, è il colore che domina dopo diverse stagioni di parità o prevalenza del rosso. Cinque in totale i “pali” rossi che rigano la maglia. Questi ultimi si allargano leggermente nella parte inferiore grazie al filetto blu accostato.

Blu sono anche i calzoncini, come avviene oramai da 13 anni con continuità, con i classici richiami giallorossi ai lati. Già annunciata comunque la produzione anche di quelli rossi da utilizzare specificatamente in alcune trasferte qualora la combinazione cromatica con l’avversario lo vada a richiedere (di solito in casa di squadre con blu o azzurro sulla maglia).

BIANCA ovvero la maglia da trasferta. 

Come da consuetudine, la divisa da trasferta è caratterizzata dal bianco totale, ma non troppo. Fatta eccezione per le maniche, monocolore con due sole striature giallorosse ai bordi, tutto il corpo del secondo kit è caratterizzato dalla riproduzione in chiaroscuro del rosone della Basilica di Santa Croce (da qui il richiamo all’icona del territorio). Riproduzione a 180° e non intera, con il centro del rosone posto sul fianco, in modo che ne vengano apprezzati i dettagli grazie allo zoom.

Dettagli barocchi esaltati anche e soprattutto dallo spicchio giallorosso che conferisce un sapore moderno ad una tenuta altrimenti fortemente “classicista”. Colletto a V in questo caso non monocolore, con il giallorosso ad affiancare il bianco nella parte sinistra. Totalmente bianco con piccole strisce giallorosso, infine, il calzoncino.

BLU è la terza maglia ed è la vera novità.

È questa la più particolare delle tre maglie, intanto per il fatto che mi risulta unica nella storia del Lecce. Non tanto per l’accostamento tra l’azzurro della parte destra ed il blu notte della sinistra, intervallati sul colletto a V, sotto lo stemma e sui calzoncini dagli inserti giallorossi. Quanto, piuttosto, per la presenza di una vera e propria foto della Curva Nord all’altezza del cuore.

Il club ha infatti voluto omaggiare il “dodicesimo uomo” stampandolo sul petto, volendo esprimere tangibilmente la gratitudine della società nei confronti dei tifosi riconquistati con un lavoro diuturno fatto di dedizione e sacrifici. Altro carattere che personalizza ancora di più questa maglia è la presenza del verde fluo che crea un effetto graffio in diagonale sulla parte anteriore, colore che caratterizza assieme al giallorosso gli inserti di maniche e pantaloncini.

Eugenio Luciani

 

(Fonte foto: US LECCE)

Condividi con:

redazione.lecceoggi@gmail.com

No Comments

Leave A Comment