Lecceoggi.com - Attualità, cronaca e curiosità in tempo reale dalla provincia di Lecce.
HomeCronaca e AttualitàLE VIE IN FIORE, UN CONCORSO PER FARE PIÙ BELLA LA CITTÀ

LE VIE IN FIORE, UN CONCORSO PER FARE PIÙ BELLA LA CITTÀ

LE VIE IN FIORE, UN CONCORSO PER FARE PIÙ BELLA LA CITTÀ

Tutti in gara per decorare con i fiori vetrine, corti, giardini, balconi, stradine e monumenti

Via alla prima edizione de Le vie in fiore, concorso di bellezza per vetrine, corti, giardini, balconi, stradine e terrazze. L’obiettivo è promuovere nella comunità neretina l’attenzione e la cura per la città e l’ambiente, stimolando la creatività e il gusto attraverso l’utilizzo dei fiori e delle piante.

La partecipazione è gratuita e aperta a tutti (in forma singola o associata). Le aree interessate sono il centro storico e le “vie dello shopping”. Aziende specializzate, coreografi, vivaisti e wedding planners possono adottare i monumenti e arredarne le facciate con i fiori (ad esempio, il balcone del castello, Palazzo di Città in piazza Salandra, il Teatro Comunale, il sedile, il tempietto dell’Osanna). Sono previste quattro categorie: corti e giardini fronte strada, balconi, stradine, piazzette, terrazzi, affacci, ingressi; stradine e piazzette del centro storico; vetrine fiorite; palazzi pubblici (a cura di imprese specializzate). Saranno valutate l’abilità nell’inserire armoniosamente i fiori nel contesto urbano, l’originalità nella scelta dei colori e nel loro accostamento, la scelta di essenze vegetali e di materiali decorativi.

Le iscrizioni al concorso sono possibili sino al 23 aprile. Dal 24 aprile i partecipanti possono allestire le decorazioni ed entro il 18 maggio la giuria effettuerà le valutazioni e assegnerà il punteggio per la classifica finale. Ai vincitori verrà assegnata una targa. Al link https://www.comune.nardo.le.it/it/news/le-vie-in-fiore sono disponibili tutte le informazioni utili, il testo del disciplinare e il modulo di partecipazione.

“Fiori e piante – dice l’assessora alla Cultura e al Marketing territoriale Giulia Puglia – hanno una capacità eccezionale di far lievitare la bellezza delle cose, in questo caso balconi, giardini, terrazze, stradine e monumenti. Molte città, da tempo, associano le decorazioni floreali al fascino storico, architettonico e identitario dei luoghi, accrescendo il decoro e attraendo visitatori. Peraltro, senza grossi sforzi, ma solo usando creatività e gusto. La primavera, poi, è il momento migliore per sfruttare al massimo questi piccoli spettacoli della natura. Spero in un coinvolgimento quanto più largo possibile di singoli e associazioni. Più saremo, più grande sarà l’effetto finale di una città in fiore”.

Condividi con:

redazione.lecceoggi@gmail.com

No Comments

Leave A Comment