Lecceoggi.com - Attualità, cronaca e curiosità in tempo reale dalla provincia di Lecce.
HomeEventi e SpettacoliLECCE: IL DANZATTORE CON TONI CANDELORO AL TEATRO ROMANO

LECCE: IL DANZATTORE CON TONI CANDELORO AL TEATRO ROMANO

LECCE: IL DANZATTORE CON TONI CANDELORO AL TEATRO ROMANO

CARLA-FRACCI-E-TONI-CANDELORO-durante-le-prove-di-ARTEMISIA-LE-ULTIME-TELE-REMINISCENZE-E-FANTASMI

Lo spettacolo è un dinamico alternarsi di assoli tratti dai più famosi balletti del XX secolo, con le coreografie dei grandi maestri dei Balletti Russi di Serge de Diaghilev.

Toni Candeloro sarà protagonista assoluto di una serata dove interpreterà i diversi personaggi da Petruska al trasformismo che lo vede nel  ruolo dell’Eletta de Le Sacre du Printemps, per concludere una rivisitazione del Bolero di Ravel, ruoli questi che lo hanno  reso celebre nei teatri internazionali riconoscendogli il suo particolare talento scenico di “danzattore”. Balletti questi che hanno segnato un’importante epoca della modernità. Nella regia dello spettacolo il “danzattore” porterà il pubblico in una virtuale visione nell’intimità del trasformismo da un personaggio all’altro che avverrà dietro le quinte.

Toni Candeloro, una carriera mondiale che lo vede al fianco di Rudolf Nureyev con cui danza nel passo a due Le chant du compagnon errant di Maurice Béjart. Carla Fracci lo invita più volte per danzare in diverse creazioni presentate nei grandi teatri itialiani; Alicia Alonso lo ospita al Ballet National de Cuba come danzatore e coreografo dove è presente in diverse creazioni e balletti del repertorio classico e moderno. Fonda il Balletto di Puglia portando alla professione ballerini, alcuni dei quali oggi etoile e primi ballerini. Il danzatore pugliese rappresenta una particolare personalità nel mondo della danza, non solo per la carriera internazionale di danzatore e coreografo, ma anche per la sua ricerca sul famoso e raro repertorio dei Balletti Russi di Diaghilev, facendo conoscere al pubblico italiano alcuni dei grandi coroegrafi della modernità. Il suo “visionario” modo di vivere la danza lo ha portato a essere considerato un artista sui generis, danzatore e coreografo si ma con uno sviluppo totale nel suo universo artistico che lo vede ad esempio collezionista, curatore di mostre o relatore in diverse Università internazionali; inoltre maestro ospite in accademie e conservatori tra questi quello Nazionale di Parigi.

Candeloro rappresenta uno di quei personaggi  che la Puglia ha dato al mondo del teatro e della cultura ed è sicuramente precursore di una generazione che ne ha seguito “il gesto”. In settembre sarà ospite del Teatro Municipal di Rio de Janeiro per rimontare Shéhérazade la versione originale di Michel Fokine.

 

 

Condividi con:

redazione.lecceoggi@gmail.com

No Comments

Leave A Comment