Lecceoggi.com - Attualità, cronaca e curiosità in tempo reale dalla provincia di Lecce.
HomeSportLECCE: DECISIVO L’INNESTO DEI NUOVI PER IL CAMBIO DI ROTTA

LECCE: DECISIVO L’INNESTO DEI NUOVI PER IL CAMBIO DI ROTTA

LECCE: DECISIVO L’INNESTO DEI NUOVI PER IL CAMBIO DI ROTTA

Non è da sottovalutare, però, lo spirito di sacrificio dimostrato da tutti

Prima Donati poi Deiola ed infine Saponara, Barak e in parte anche Paz sono a mio avviso la molla che ha rimesso a posto tutto il meccanismo del gruppo Lecce. Come spesso ha dichiarato Liverani con l’innesto dei cinque nuovi e l’inclusione di qualche giovane promettente della Primavera il tecnico ha ora la possibilità di far allenare al meglio tutti gli atleti senza necessità di forzare il recupero degli infortunati. Cosa ha ottenuto? Semplice maggiore equilibrio e capacità tenciche in fase di preparazione dei vari match da dover affrontare per cui le scelte risultano più ponderate, senza considerare il fatto che dovendo superare una concorrenza paritetica per conquistare il posto di titolare ci si impegna di più, senza quasi inconsapevoli cali di tensione, ed invece una sempre maggiore sicurezza nei propri mezzi da parte di ogni calciatore. Certo poi non è da dimenticare lo spessore tecnico di cui sono dotati i nuovi arrivati che hanno peraltro consentito, specie con gli indovinati (ma non è un caso) inserimenti a centrocampo, di dare maggiore equilibrio alla squadra che ora (almeno negli ultimi 180 minuti) non si allunga mai troppo ed anzi mantenendosi sempre corta sposta il proprio baricentro a seconda dei momenti tattici della partita. A Napoli ad esempio, i giallorossi hanno capito subito che si doveva far sfogare l’irruenza degli avversari tesi a conquistare subito la vittoria: li hanno fatti avanzare, perdendo spesso le distanze fra i reparti, e appena possibile hanno lanciato proprio in quegli spazi quegli attacchi, sapientemente gestiti da Saponara, che hanno permesso di fare propria la vittoria a Napoli dopo ben ventidue anni.

Ora al Lecce si presenta l’occasione, nei prossimi quattro turni giocherà tre volte al “via del mare” ed una sola in trasferta (a Roma) per far crescere il distacco fra sé e le avversarie che lo seguono, ma addirittura, se alcuni risultati dovessero andare in un certo senso, a tirare nelle sabbie mobili della lotta per non retrocedere qualche squadra che ora lo sopravanza e pensa di potersi ritenere al riparo da sorprese. Queste (le sorprese) sono dietro l’angolo e potrebbero dare una grossa mano al Lecce per conquistare quel posto nel massimo campionato che ha tutte le carte in regola per mantenere.

Ernesto Luciani

Condividi con:

redazione.lecceoggi@gmail.com

No Comments

Leave A Comment