HomeCulturaLECCE, MOSTRA PERSONALE DI CATRERINA MORIGI  

LECCE, MOSTRA PERSONALE DI CATRERINA MORIGI  

LECCE, MOSTRA PERSONALE DI CATRERINA MORIGI  

Da sabato 19 novembre e fino al 7 gennaio, gli spazi di linea, in via D’Annunzio 77 a Lecce, ospiteranno la mostra personale di Caterina Morigi: “SEA BONES”, tra micro e macro della materia, a cura di Alice Caracciolo e Marco Vitale.

In programma anche un workshop in sede, con l’artista, che si terrà nel pomeriggio di venerdì 18 novembre, in cui si uniranno momenti di dialogo e sperimentazione con microscopi e materiali fotografici.

La mostra

Ricercatori in ambito biomedico studiano gli esoscheletri di esseri marini, conchiglie, aculei di ricci di mare, ossi di seppia, per rifare le parti di ossa umane mancanti. La compatibilità di questi elementi, apparentemente diversi tra loro, dimostra come vi sia in realtà una relazione sostanziale tra uomo e natura. Il nostro scheletro è composto da fosfato di calcio, il marmo e le conchiglie da carbonato di calcio, una sostanza molto simile

e trasformabile. Lo stesso materiale è alla base della vita dei primi organismi esistiti sulla terra, il minerale era sparso in un brodo primordiale che ha dato avvio anche alla sfera dell’organico.

Il progetto fonde, attraverso la fotografa, il micro e il macro della materia, sovrapponendo i vari strati di realtà in una possibile nuova alleanza. Ciò che è possibile ora è assimilare l’appartenenza di umano e naturale a un unico mondo di relazioni. Il progetto si evolve raccogliendo immagini con il microscopio e altri dispositivi, in collaborazione con gli ingegneri e ricercatori dell’istituto Ortopedico Rizzoli e dell’Università degli Studi di Bologna. Intercambiabili tra loro, le fotografe sfruttano il supporto trasparente, rivelando questa compatibilità anche attraverso la vista e favorendo, con il materiale traslucido, una moltitudine di immagini captate differenti: palpabili o immaginarie.

Profilo biografico dell’artista:

Caterina Morigi (Ravenna, 1991) è un’artista visiva che lavora con installazione, fotografa e scultura. Ha studiato all’ Università IUAV di Venezia e Paris8-Saint Denis. Nella sua ricerca sovrappone organico e inorganico per sondare la relazione imprescindibile tra uomo e natura. Per affrontare le declinazioni della materia e i suoi mutamenti, Caterina

Morigi si serve di uno sguardo ravvicinato che attraversa, come in flussi carsici, la storia dell’arte e dell’architettura. La sua pratica comprende collaborazioni con centri di ricerca scientifca, musei e università.

Espone per mostre personali e collettive al Museo MAMbo (Bologna), Kunstlerbund di Spira (GR), Fotografa Europea (Reggio Emilia), Villa Della Regina (Torino), MAR (Ravenna), Museo Nazionale della Montagna (Torino), Archivio Casa Morra (Napoli), Fondazione Bevilacqua la

Masa (Venezia), Video Sound Art festival (Milano) e altre, è vincitrice del Premio Combat 2022, attualmente in residenza per il progetto Et in Arcadia Ego della Fondazione Quadriennale di Roma.

luciani.2006@libero.it

No Comments

Leave A Comment