Lecceoggi.com - Attualità, cronaca e curiosità in tempo reale dalla provincia di Lecce.
HomeSportIL LECCE STUDIA ATTENTAMENTE LA SCELTA DEL PROSSIMO ALLENATORE

IL LECCE STUDIA ATTENTAMENTE LA SCELTA DEL PROSSIMO ALLENATORE

IL LECCE STUDIA ATTENTAMENTE LA SCELTA DEL PROSSIMO ALLENATORE

In società ci sono delle priorità così come si hanno delle certezze sui possibili confermati.

La panchina giallorossa in questo momento può essere rappresentata dalla famosa porta girevole di un albergo, c’è chi entra nella lista dei possibili altri escono. È delle ultime ore, infatti, l’aggiunta del nome di Alfredo Aglietti (Chievo Verona) e Christian Bucchi (ex Benevento) mentre risulterebbe impossibile mantenere quello di D’Angelo (Pisa) che ancora sotto contratto con i toscani pare intenzionato a restare ai nerazzurri che, d’altra parte, non hanno nessuna intenzione di lasciarlo andare.

I nuovi entrati nella lista dei favoriti, in cui il preferito mumero uno sembra essere Marco Baroni, sono entrambi nomi noti ai tifosi salentini visto che Bucchi è stato avversario con i sanniti del Lecce in un campionato di serie B, e l’altro ha allenato il Chievo Verona ed ha portato gli scaligeri ai play off nei due ultimi campionati.

Come ovvio, però, il direttore generale dell’area tecnica, sul quale abbiamo letto qualche giudizio non molto favorevole, ed è errato visto quanto è riuscito a fare in breve tempo e con risorse non illimitate, c’è da tener conto di chi andrà via, chi resterà e chi tornerà per restare o solo di passaggio come calciatore giallorosso della prossima stagione.

Ci sono alcuni elementi che essendo in prestito quasi certamente torneranno alle società di appartenenza: Dermaku, Adjapong, Yalcin, Stepinski (tutti vincolati al Lecce sino al 30 giugno 2021); ci sono poi quelli con contratto in scadenza alla stessa data, ovvero: Bleve, Lucioni, Maggio, Nikolov, Pettinari, Tachtsidis.

Dei giocatori menzionati molto difficilmente resterà qualcuno e gli unici per i quali spezzerei una lancia sono Dermaku e Pettinari. Il primo, se integro fisicamente, sarebbe un centrale difensivo d’affidamento a cui affiancarne un altro come titolare e poi due come rincalzi di sicuro rendimento. Per quanto riguarda Pettinari, credo che abbia dimostrato con i fatti che è l’attaccante che meglio si integra con Massimo Coda che resterà di sicuro in giallorosso coprendo così una delle tre posizioni che Corvino ama risolvere per prima cosa.

Come noto le tre posizioni sono portiere, difensore centrale e prima punta. Il Lecce di queste, detto di Coda tiene coperta anche la posizione del portiere con  Gabriel Vasconcelos Ferreira che in due stagioni ha subito tantissime rete ma è spessissimo risultato uno dei migliori in campo e poche volte è stato accusato di errori determinanti. Per lui ci sono alcune società interessate ma il Lecce, salvo proposte indecenti non credo abbia alcuna intenzione di cederlo. Piuttosto sarà da sistemare quella di Vigorito che non so se possa accettare per un’altra stagione la figura del dodicesimo.

In altre parole il lavoro per Corvino non manca ma credo che il DG non abbia alcuna voglia di prendere decisioni affrettate e che la prima scelta sarà quella del tecnico con cui concordare, è giusto che sia così, chi prendere e chi far partire per affrontare una stagione che si spera possa concludersi meglio dell’ultima.

Ernesto Luciani

 

 

Condividi con:

redazione.lecceoggi@gmail.com

No Comments

Leave A Comment