Lecceoggi.com - Attualità, cronaca e curiosità in tempo reale dalla provincia di Lecce.
HomeSportLECCE: TABANELLI DA OGGETTO MISTERIOSO A UOMO GOL

LECCE: TABANELLI DA OGGETTO MISTERIOSO A UOMO GOL

LECCE: TABANELLI DA OGGETTO MISTERIOSO A UOMO GOL

andrea-tabanelli-21

Il calcio è bello perché imprevedibile ma, allo stesso tempo ha delle proprie regole da cui difficilmente scantona. Una di queste è il rapporto tra tifosi, tecnico e giocatori. Spesso in conseguenza di qualche iniziale prova in sordina chi è responsabile della panchina o qualche giocatore che non offre subito una buona immagine di se stesso è classificato tra i poco adatti e per questo accantonati. Fabio Liverani, ad esempio, appena arrivato a Lecce (in sostituzione del dimissionario Rizzo) inanellò una serie di risultati utili che creò dai primi giorni un ottimo feeling tra tifoseria e tecnico (per fortuna i risultati continuano ad essere buoni e quindi il rapporto si è addirittura rafforzato). Un calciatore che, invece, giunto a Lecce, dopo un periodo di inattività, ha trovato qualche difficoltà è Andrea Tabanelli che nelle sue apparizioni nel corso dello scorso campionato dava l’impressione di un pesce fuor d’acqua anche se come tecnica individuale era evidente che ne fosse ben dotato.

Liverani su di lui ha lavorato con certosina pazienza ed a furia di battere sull’incudine ha forgiato un atleta che ora quando è in campo lotta, corre con spirito di sacrificio e, ha trovato già per quattro volte la via del gol. Purtroppo i suoi exploit non hanno fruttato molti punti, solo uno con quello segnato a Crotone) ma l’importante è che ora Tabanelli si sia ritrovato e soprattutto sia cresciuto sotto il profilo dell’autostima. Oggi, da oggetto misterioso si è trasformato in una risorsa in più per il tecnico, che lo impiegato da titolare in nove partite, e quindi per la squadra.

Notiziario: Continuano a lavorare a parte Bovo, Scavone, Fiamozzi, Palombi e Vigorito. Liverani sapeva di non poter contare per la sfida contro l’Ascoli di sabato pomeriggio (ore 18) sui primi due ma sperava di recuperare Palombi e Fiamozzi, soprattutto il primo per cercare di avere più frecce da impiegare contro il bunker che l’Ascoli metterà su per conquistare un buon risultato. Purtroppo, invece, l’attaccante ex Lazio non sembra possa essere disponibile e quindi le carte da giocare sono le solite sperando che Tumminiello e Saraniti (a seconda di chi sarà chiamato in causa) trovino la via per segnare il primo gol stagionale in giallorosso. Pare invece rientrato l’allarme per Vigorito, infortunatosi a Crotone, ma nel caso l’ex Frosinone non dovesse farcela è pronto Bleve a subentrare tra i pali pronto a giocarsi le sue chance per mettersi in bella mostra.

Ernesto Luciani

Condividi con:
Valuta articolo

redazione.lecceoggi@gmail.com

No Comments

Leave A Comment