Lecceoggi.com - Attualità, cronaca e curiosità in tempo reale dalla provincia di Lecce.
HomeSportLEGA PRO – GIRONE C – SCOPPIA A TARANTO LA RABBIA DEI TIFOSI – AUTERI RISCHIA LA PANCHINA?

LEGA PRO – GIRONE C – SCOPPIA A TARANTO LA RABBIA DEI TIFOSI – AUTERI RISCHIA LA PANCHINA?

LEGA PRO – GIRONE C – SCOPPIA A TARANTO LA RABBIA DEI TIFOSI – AUTERI RISCHIA LA PANCHINA?

logo-Lega-Pro-Unicef-2016-2017

Nel girone meridionale della Lega Pro ad otto giornate dalla fine il discorso promozione diretta sembra definitivo appannaggio del Foggia dopo la netta e meritata vittoria ottenuta a spese del Lecce e con Materae Juve Stabia che con il loro cammino degli ultimi tempi hanno gettato al vento quanto di buono fatto prima. Senza tirornare su quanto sta accadendo a Lecce, argomento trattato con articoli già pubblicati, vediamo di dare uno sguardo a ciò che sta accadendo tra le altre squadre con una particolare attenzione alle altre due società salentine: Virtus Francavilla e Taranto.

Nella cittadina del brindisino sembra che la vittoria conquistata ai danni del Lecce (ahime) abbia gettato scompiglio perché da allora la formazione di Calabro ha ricevuto due schiaffoni e l’ultimo da un redivivo Melfi addirittura in casa propria. La rabbia dei tifosi, immediata, quanto eccessiva visto lo stupendo campionato disputato dalla squadra, ha investito anche la società e il presidente Macri ha minacciato le proprie dimissioni, anche e, forse, soprattutto, se non dovessero partire i lavori di ammodernamento del campo, invero, inadeguato alle attuali esigenze della squadra.

violenti in campo

A Taranto, poi, i tifosi sono addirittura passati dalle parole (contestazione) ai fatti. Alcuni calciatori, infatti, sono stati aggrediti, da un gruppo di esagitati formato da una trentina di individui incappucciati che non ha esitato a  picchiare i malcapitati, addirittura con, come alcune fonti indicano, bastoni e coltelli. Particolarmente presi di mira Altobello, Maurantonio e Stendardo. Qualche schiaffo lo ha preso anche Totò Ciullo intervenuto in difesa dei calciatori. Per questo motivo, davvero sconcertante e paradossale, la società ha deciso di portare la squadra in ritiro in un Centro della Provincia.

Il gesto di Taranto è avvenuto a pochi giorni  dal ritardato inizio delle partite di domenica scorsa, decisione presa proprio come forma di condanna di simili episodi di violenza. L’iniziativa era stata concordata dall’AIC e dalla Lega Pro. E sono subito arrivate le dichiarazioni di Umberto Calcagno, vicepresidente dell’Associazione Italiana Calciatori che ha preannunciato, in caso di conferme dei dettagli più incresciosi, addirittura il blocco del torneo: “Stiamo andando a verificare di persona quanto accaduto. Se fosse vero che l’ennesima aggressione è avvenuta addirittura con mazze e coltelli, avremmo superato il limite. Cosa succederebbe? Potremmo fermare tutti i campionati. C’è bisogno di un gesto forte di tutto il sistema verso qualcosa che con noi non ha niente a che fare. Una situazione ingovernabile, inaccettabile che si venga attaccati in maniera così vile“.

Condividi con:

redazione.lecceoggi@gmail.com

No Comments

Leave A Comment