Lecceoggi.com - Attualità, cronaca e curiosità in tempo reale dalla provincia di Lecce.
HomeCronaca e AttualitàLIBERI I PESCATORI ITALIANI SEQUESTRATI A BENGASI.

LIBERI I PESCATORI ITALIANI SEQUESTRATI A BENGASI.

LIBERI I PESCATORI ITALIANI SEQUESTRATI A BENGASI.

Haftar elogia il ruolo di Roma in Libia 

Liberati i 18 pescatori di Mazara del Vallo sequestrati in Libia, ne dà notizia il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, che è volato stamani a Bengasi insieme con il ministro degli Esteri Luigi Di Maio per l’atto conclusivo, cioè la liberazione. Dopo 108 giorni bloccati in Libia, rilasciati 8 italiani, 6 tunisini, 2 indonesiani e 2 senegalesi che erano a bordo dei due pescherecci. Felici i famigliari dei marittimi che attendevano buone notizie a Mazara del Vallo: “Finalmente, aspettavamo questo regalo di Natale”.

Il premier Conte ha postato la foto dei pescatori liberati in Libia sui social: “Buon rientro a casa”. Conte e Di Maio sono poi rientrati a Roma, nel pomeriggio dalla base aerea di Rajma, alla periferia di Bengasi, dove hanno anche avuto un lungo colloquio con il generale Khalifa Haftar. Il generale ha elogiato il ruolo che il governo italiano gioca nel sostegno ad una soluzione della crisi nel suo Paese, si apprende da fonti libiche.

Di Maio su Facebook: “I nostri pescatori sono liberi. Fra poche ore potranno riabbracciare le proprie famiglie e i propri cari. Grazie all’Aise (la nostra intelligence esterna) e a tutto il corpo diplomatico che hanno lavorato per riportarli a casa. Un abbraccio a tutta la comunità di Mazara del Vallo. Il Governo continua a sostenere con fermezza il processo di stabilizzazione della Libia. È ciò che io e il presidente Giuseppe Conte abbiamo ribadito oggi stesso ad Haftar, durante il nostro colloquio a Bengasi

Condividi con:

redazione.lecceoggi@gmail.com

No Comments

Leave A Comment