Lecceoggi.com - Attualità, cronaca e curiosità in tempo reale dalla provincia di Lecce.
HomeCronaca e AttualitàL’IMPRENDITORE LUCA TROMBI NOMINATO “AMBASCIATORE UNISALENTO”

L’IMPRENDITORE LUCA TROMBI NOMINATO “AMBASCIATORE UNISALENTO”

L’IMPRENDITORE LUCA TROMBI NOMINATO “AMBASCIATORE UNISALENTO”

L’Ateneo salentino ha conferito venerdì 4 marzo a Luca Trombi il titolo di “Ambasciatore dell’Università del Salento”: la cerimonia si è svolta presso la sala Conferenze del Rettorato. Sono intervenuti il Rettore Fabio Pollice, il Delegato alla Comunicazione Istituzionale Stefano Cristante e, per il Dipartimento di Studi Umanistici, il professor Mario Capasso, fondatore e primo Direttore del Centro di Studi Papirologici e del Museo Papirologico UniSalento.

Il Rettore Fabio Pollice ha evidenziato come «il contributo sia frutto di passione, la stessa che nel corso degli anni è riuscito a trasmettere alle nuove generazioni, e che ancora alimenta la sua voglia di sapere». Nel ricordare i lavori di scavo in Egitto, il Rettore rimarca come la democrazia si sviluppi anche portando cultura e valorizzando quella già presente sul territorio. Si potrebbe definire “paradiplomazia”. «Il titolo di Ambasciatore dell’Università del Salento – ha concluso il Rettore – è un sentito ringraziamento a colui che ha creduto in un grande progetto di ricerca e ha fatto in modo che questo si realizzasse».

Il professore Mario Capasso ha definito l’imprenditore Luca Trombi un «“Self mine man”, tenace e dotato di un forte spirito di iniziativa, e ancora “un simbolo dello spirito italico”. Egli – ricorda il professor Capasso – dal 1993 a oggi offre un contributo fondamentale alla Missione Archeologica del Centro di Studi Papirologici dei siti di epoca greco-romana di Bakchias e di Soknopaiou Nesos (Fayyum, Egitto)».

Luca Trombi ha ringraziato l’intera comunità accademica ricordando come la sua brillante carriera, che lo ha portato ad essere quello che è oggi, un imprenditore di successo, è stata ispirata dagli insegnamenti del padre che gli ha trasmesso “l’orgoglio di fare qualcosa di buono”. L’incontro con il professor Mario Capasso e con la professoressa Paola Davoli è stato fortuito ma “la loro intraprendenza ha suscitato la mia curiosità”.

Il Rettore ha consegnato a Luca Trombi il sigillo dell’Università del Salento.

Dopo la cerimonia di consegna l’imprenditore ha tenuto una relazione seminariale sul tema: “Il mondo davanti al problema delle fonti energetiche”.

Luca Trombi, insignito nel 2006 del titolo di Cavaliere della Repubblica Italiana per elevati meriti culturali, da 40 anni lavora nell’ambito dell’industria petrolifera italiana e internazionale ricoprendo diversi ruoli di direzione e di responsabilità nelle maggiori compagnie americane del settore. Attualmente svolge attività nel settore dell’energia, come consulente di diverse aziende. Fin dal 1993, Trombi offre un contributo finanziario fondamentale alla realizzazione della Missione archeologica UniSalento in Egitto sui siti di epoca greco-romana (campagne di scavo nel Fayyum); ha inoltre contribuito notevolmente alla costituzione della Biblioteca di Egittologia e Papirologia del Museo Papirologico dell’Università del Salento, che gli è stata intitolata nel 2006. Trombi ha inoltre dato un importante contributo finanziario all’organizzazione del ventinovesimo Congresso internazionale di Papirologia svoltosi presso UniSalento nel 2019 e ha tenuto seminari presso la Scuola Superiore ISUFI.

Il riconoscimento “Ambasciatore dell’Università del Salento” è stato pensato dall’Ateneo con un doppio scopo: da un lato, UniSalento segnala così personalità attive nell’impresa, nella ricerca e nella cultura che hanno fatto dell’eccellenza, dell’innovatività e dell’internazionalizzazione le chiavi del loro impegno quotidiano, capace di valorizzare e promuovere competenze umane e risorse materiali; dall’altro, compito degli “Ambasciatori” è favorire la conoscenza dell’Università del Salento e delle sue iniziative presso Istituzioni, Enti e organizzazioni interessati a forme di collaborazione e contatto con l’Ateneo.

 

Condividi con:

redazione.lecceoggi@gmail.com

No Comments

Leave A Comment