Lecceoggi.com - Attualità, cronaca e curiosità in tempo reale dalla provincia di Lecce.
HomeCronaca e AttualitàMESAGNE: RACCOLTA FONDI, “PORTIAMO BRIGIDA IN NAZIONALE” DI PARADRESSAGE

MESAGNE: RACCOLTA FONDI, “PORTIAMO BRIGIDA IN NAZIONALE” DI PARADRESSAGE

MESAGNE: RACCOLTA FONDI, “PORTIAMO BRIGIDA IN NAZIONALE” DI PARADRESSAGE

La 24enne salentina specialista nell’equitazione

Di seguito il comunicato:

Brigida è la gioia del nostro lavoro, il motivo per cui amiamo quello che facciamo, nonostante le tante difficoltà.

Sono Marcello Ostuni e con la mia famiglia gestisco il centro Acqua2o di equitazione e riabilitazione equestre da ormai quindici anni a Mesagne, in provincia di Brindisi.

Vorrei farvi conoscere Brigida e la sua storia, un’avventura che dura da tredici anni.

Brigida Nigro, salentina, ha 24 anni ed è affetta dalla nascita da sindrome di regressione caudale, una patologia che non le permette di camminare e infatti la sua carrozzina è sempre stata la sua compagna di viaggio.

Il suo temperamento volitivo e la sua fiducia nell’equitazione e nel centro Acqua2o cambiarono per sempre il destino di entrambi.

Il centro Acqua2o è stato tra i primi nell’Italia meridionale ad avviare corsi di riabilitazione equestre (ad oggi contiamo più di trenta ragazzi) e Brigida è stata la nostra prima allieva.

Una scommessa, iniziata quasi per gioco e per curiosità, che per la piccola Brigida, allora undicenne, è diventata una grandissima passione.

Brigida ha ritrovato con i cavalli quelle energie che sembravano perse per sempre. Ha ritrovato le sue gambe grazie all’amore di Melinda, il suo primo cavallo. Da allora ha deciso di non fermarsi e diventare un’atleta.

A tutti noi è stato subito chiaro che ci trovavamo di fronte ad un talento eccezionale così come era altrettanto chiaro che Brigida era una ragazzina che amava le sfide, anche quelle che sembravano impossibili per chiunque altro.

Così si misurò nel paradressage, una disciplina equestre che consiste in una gara di addestramento; competizioni che si disputano a livello regionale, nazionale fino ad arrivare alle Paralimpiadi.

Abbiamo iniziato con le competizioni locali, in Salento, per poi arrivare a quelle regionali raggiungendo risultati incredibili.

Questo sport ha costi importanti ed è per questo che abbiamo deciso di condividere la storia di Brigida e chiedere un piccolo aiuto affinché la nostra cavallerizza possa realizzare il suo sogno: la partecipazione ai Campionati italiani e, poi, magari un giorno, alle Paralimpiadi, il suo grande sogno della vita.

Ci rivolgiamo sia alle Istituzioni pubbliche che ai cittadini che vogliono sognare insieme a Brigida perché crediamo che i suoi risultati e la sua passione rappresentino una pagina bellissima ancora da scrivere per il nostro Paese. Partirà oggi una raccolta fondi per sostenere Brigida e darle l’opportunità di continuare a seguire il suo sogno.

Non darle questa possibilità sarebbe una sconfitta a cui non vogliamo arrenderci!

Per conoscere più da vicino la storia di Brigida Nigro, vi invitiamo a leggere le sue parole.

Marcello Ostuni

Acqua2o equitazione e riabilitazione equestre

Condividi con:

redazione.lecceoggi@gmail.com

No Comments

Leave A Comment