Lecceoggi.com - Attualità, cronaca e curiosità in tempo reale dalla provincia di Lecce.
HomeECONOMIA & LAVOROMICROPLASTICHE. HANNO VINTO LE LOBBY. SI ALLUNGANO I TEMPI PER IL DIVIETO UE

MICROPLASTICHE. HANNO VINTO LE LOBBY. SI ALLUNGANO I TEMPI PER IL DIVIETO UE

MICROPLASTICHE. HANNO VINTO LE LOBBY. SI ALLUNGANO I TEMPI PER IL DIVIETO UE

La  produzione di plastica implacabile e in  rapida crescita e i rifiuti in gran parte  incontrollati  stanno creando un’immensa nuvola di particelle di plastica che stanno inquinando tutti gli ambienti conosciuti: l’  aria  che respiriamo, il cibo che mangiamo e in  tutto il nostro corpo , nella  neve artica , nei  terreni montuosi  e negli  oceani più profondi .

La microplastica si trova in  tutte  le specie ittiche commerciali. Non puoi vederlo, ma è lì ed è ovunque. Questo fango plastico irreversibile, principalmente polietilene o poliuretano, è saturo di sostanze chimiche tossiche aggiunte o  assorbite  dall’inquinamento chimico. Riconoscendo la minaccia, i leader dell’UE hanno parlato della plastica come un pericolo per la salute che richiede   un’azione legale rapida a livello europeo.

Così l’anno scorso, l’Agenzia europea per le sostanze chimiche ha  proposto di  vietare tutte le microplastiche aggiunte a cosmetici, vernici, detergenti e quasi tutti gli altri prodotti di consumo e commerciali dove vengono utilizzati per riempire, legare, rivestire, assorbire, addensare, essere abrasivi o controllare il rilascio di medicinali o pesticidi.

Il divieto impedirebbe a 10.000-60.000 tonnellate di plastica di fuoriuscire nell’ambiente ogni anno. Rispetto alla plastica che si frantuma su spiagge, fiumi, terra o vomita dalle nostre lavatrici, la materia versata nei prodotti è la punta dell’iceberg. Ma 60.000 tonnellate all’anno non sono niente, e l’UE sta tracciando una linea nella sabbia dicendo che tutta questa produzione di plastica e l’inquinamento incauto dovrebbero fermarsi. Fin qui tutto bene.

“Con l’intervento delle lobby”, si legge in una dettagliata analisi pubblicata sul blog dello European Environmental Bureau “quando il regolamento entrerà in vigore nel 2022 l’unico miglioramento immediato sarà il divieto delle microperle nei cosmetici che il settore si è già impegnato a eliminare”.

Così – prosegue il blog – nel 2022 il regolamento affronterà solo lo 0,2% delle microplastiche disperse nell’ambiente. Questo ritmo lento significa che l’iniziativa dell’Ue ridurrà l’inquinamento da microplastica solo della metà nel 2028 e del 90% entro il 2030″.

Rispetto alla sua stesura originale, in cui gli esperti proponevano 4 anni per l’applicazione del divieto sui cosmetici e suggerivano di vietare le microplastiche con una dimensione minima di 1 nanometro (nm), il parere finale dell’Echa suggerisce un bando da 100 nanometri in su e la piena applicazione di alcuni divieti non prima del 2028 e nel 2030.

Il parere, che sarà inviato alla Commissione entro dicembre, fornisce la base scientifica per la proposta di regolamento che l’Esecutivo presenterà a paesi Ue e dell’Europarlamento. Nel 2018 gli eurodeputati avevano chiesto il di vietare entro il 2020 l’uso di microplastiche aggiunte intenzionalmente nei cosmetici, prodotti per la cura personale, detergenti e prodotti per la pulizia e hanno proposto norme più rigorose per i frammenti in plastica dispersi nell’ambiente da tessuti, pneumatici, vernici e mozziconi di sigarette.

(Fonte: Agenpress)

 

 

 

Condividi con:

redazione.lecceoggi@gmail.com

No Comments

Leave A Comment