Lecceoggi.com - Attualità, cronaca e curiosità in tempo reale dalla provincia di Lecce.
HomeCronaca e AttualitàMIGRANTI A BONCURI E “GHETTO” RASO AL SUOLO

MIGRANTI A BONCURI E “GHETTO” RASO AL SUOLO

MIGRANTI A BONCURI E “GHETTO” RASO AL SUOLO

IMG_6586          IMG_6591

Una nuova pagina di buona accoglienza in città, 16 migranti con un tetto per l’inverno

L’associazione Diritti a Sud gestirà sino al 28 febbraio 2017 la struttura di Masseria Boncuri, dove a partire da questa sera saranno ospitati i 16 lavoratori extracomunitari che sino ad oggi hanno trovato ricovero nel campo di Arene-Serrazze. Lo ha deciso la Giunta di Palazzo Personè con un provvedimento che risolve, di fatto, il problema sociale e igienico-sanitario rappresentato dalla perdurante presenza di questo gruppetto di extracomunitari alla estrema periferia della città, in un sito non adeguato ad accoglierli. L’associazione Diritti a Sud è impegnata da tempo sul territorio cittadino in servizi di volontariato e attività di solidarietà socialedestinati ai lavoratori migranti e ha manifestato piena disponibilità ad avere l’affidamento temporaneo della gestione della struttura di Masseria Boncuri, già destinataria di un finanziamento che è compatibile con la presenza di immigrati e con le finalità di questa scelta dell’amministrazione comunale. La decisione di procedere con un affidamento diretto è stata dettata dall’urgenza di trovare un tetto e un ricovero dignitoso ai migranti e scongiurare i tempi ragionevolmente più lunghi di un affidamento tramite un bando di gara (che verrà comunque messo a punto per il futuro). I volontari dell’associazione, a turno, vigileranno sulla struttura h24 e si occuperanno di registrare le presenze, di garantire la pulizia quotidiana e la massima cura dell’immobile. Nella struttura, oltre ai posti letto e ai servizi, ci sono spazi per attività formative e ricreative. I 16 extracomunitari sono tutti in regola con le normative sul lavoro e la permanenza in Italia e sono stati identificati dalla polizia. Questa decisione arriva di pari passo alla chiusura definitiva del campo estivo di Arene-Serrazze, allo smontaggio delle tende e alle relative operazioni di pulizia, nonché al completo sgombero di ruderi, rifiuti e altri suppellettili dall’area del cosiddetto “ghetto”, intorno alla ex falegnameria, e anche dai terreni circostanti.Queste operazioni saranno completate nei prossimi giorni. Tutte le novità sono state illustrate stamattina a Palazzo Personè nel corso di una conferenza stampa.

“Questa città finalmente non avrà più lavoratori extracomunitari che vivono per strada o nelle campagne-ha commentato il sindaco PippiMellone – e segna uno storico cambio di passo rispetto al passato e al passato più recente, un salto dalla logica dell’indifferenza e delle ruspe a una dell’accoglienza vera, concreta, visibile. Così laviamo l’onta del processo Sabr e della mancata costituzione di parte civile da parte della vecchia amministrazione. Boncuri sarà il fulcro di tutte le attività che metteremo in campo per il 2017, con costi ridotti e senza oneri per gli affitti come è stato sino ad oggi. Soprattutto usciamo da una visione emergenziale per passare a una idea di programmazione, visto che mercoledì sarò a Bari per calendarizzare l’accoglienza del 2017 con i dirigenti della Regione Puglia. Posso dire inoltre che nei prossimi giorni metteremo a bando i terreni intorno a Boncuri per permettere a chi lo vorrà di utilizzarli con una logica di agricoltura sociale e al fine di rendere più decorosa tutta l’area diBoncuri. Ora l’ultimo sforzo, quello della integrazione vera con la città, affinché Boncuri non sia solo dormitorio, ma un centro vivo”.

“Siamo molto contenti – ha spiegato il presidente dell’associazione Diritti a SudRosa Vaglio – perché è quello che abbiamo sempre sognato di fare in questi anni di duro lavoro di accoglienza e solidarietà. Accettiamo con umiltà e con il coinvolgimento degli stessi ospiti terremo la struttura pulita e con il massimo decoro. Soprattutto cercheremo di tenerla viva, con attività formative o ricreative, allungando un “ponte” con il resto della città e con i neretini. Per la prima volta da quando ci siamo, sentiamo la stima di Nardò”.

“Dal 2009, cioè da quando, pionieri, abbiamo inaugurato il nostro impegno- ha evidenziato il vicepresidente di Diritti a SudAngelo Cleopazzo-questa è la giornata più importante. Abbiamo una casa dove poter fare quello che abbiamo sempre voluto fare e che ha suscitato interesse anche a livello nazionale. Ieri come oggi, per noi diversità è ricchezza e fa crescere. Per la prima volta non ci sentiamo soli in questa città e paradossalmente non è un’amministrazione di centrosinistra a starci vicino, ma un’altra che viene da una galassia ideologica e politica lontana dalla nostra”.

Infine, gli assessori Oronzo Capoti e Daniela Dell’Anna hanno rimarcato l’impegno costante dell’amministrazione comunale sul fronte dei bisogni, non solo dei migranti, ma anche dei tanti neretini che non hanno una casa o un lavoro. “Questa scelta – hanno rimarcato – è solo un segmento di una serie di attività sociali a 360 gradi, che prescindono dalle nazionalità, dal colore della pelle e da ogni tipo di differenza”.

Condividi con:

redazione.lecceoggi@gmail.com

No Comments

Leave A Comment