Lecceoggi.com - Attualità, cronaca e curiosità in tempo reale dalla provincia di Lecce.
HomeCronaca e AttualitàMONTERONI: FUGGI’ AL POSTO DI CONTROLLO. IDENTIFICATO ED ARRESTATO DAI CARABINIERI

MONTERONI: FUGGI’ AL POSTO DI CONTROLLO. IDENTIFICATO ED ARRESTATO DAI CARABINIERI

MONTERONI: FUGGI’ AL POSTO DI CONTROLLO. IDENTIFICATO ED ARRESTATO DAI CARABINIERI

carabinieri 9

Continua incessante l’attività investigativa da parte dei militari della Stazione di Monteroni di Lecce che, a conclusione di un’accurata indagine, sono riusciti a risalire all’individuo che forzò un posto di controllo dei militari in Monteroni. Infatti, nella serata del 28 marzo, i Militari della Stazione di Monteroni, nell’eseguire un posto di controllo alla circolazione stradale, intimavano l’ALT al conducente di un’autovettura Renault Twingo, il quale, dopo aver effettuato la manovra di rallentamento ed iniziato quella di accostamento, giunto all’altezza del Militare selettore, con una manovra fulminea si dava alla fuga, facendo perdere in un primo momento le tracce.

Il Personale operante si poneva immediatamente all’inseguimento e rintracciava l’autovettura parcheggiata dopo poche centinaia di metri, abbandonata dal “fuggiasco”.

Gli accertamenti immediati permettevano di risalire all’intestatario del mezzo, una ditta di autonoleggio, cui si era rivolta una 32enne di Monteroni di Lecce, V.F., alla quale venivano contestate le violazioni al C.d.S.. Da accertamenti svolti si era riuscito ad identificare il “fuggiasco” nella figura del fidanzato della V.F., Santeramo Salvatore, 32enne di Barletta, sul quale pendeva un’ordinanza di sospensione dell’affidamento in prova ai Servizi Sociali emessa dall’Ufficio di Sorveglianza di Bari.

Nella serata del primo aprile infatti, i Militari della locale Stazione, avendo il sospetto che la donna sopra citata potesse essere collegata al SANTERAMO e quindi potesse nasconderlo presso il proprio domicilio, decidevano di effettuare un controllo presso detta abitazione, dove lo trovavano nascosto sotto il letto matrimoniale. Pertanto, veniva tratto in arresto ed associato presso la Casa Circondariale di Lecce.

Della vicenda è stato interessato il P.M. della Procura della Repubblica di Lecce di turno il Sost. Proc. Dott. Antonio Negro.

Condividi con:

redazione.lecceoggi@gmail.com

No Comments

Leave A Comment