Lecceoggi.com - Attualità, cronaca e curiosità in tempo reale dalla provincia di Lecce.
HomeSportIL PARERE DI UN TIFOSO SUL CAPITOLO “PRESENT”

IL PARERE DI UN TIFOSO SUL CAPITOLO “PRESENT”

IL PARERE DI UN TIFOSO SUL CAPITOLO “PRESENT”

Mi pare che nei commenti si stia commettendo un errore di fondo: la “card” non è il prezzo dell’abbonamento, perché quest’anno non ce ne possono essere, né il prezzo delle partite live, perché non si sa se ed eventualmente quante ce ne saranno.

I 160 euro vengono chiesti per iscriversi, non per quest’anno ma per sempre, nel club dei tifosi “fidelizzati” del Lecce: da questo momento viene stabilito un “parametro” oggettivo e neutrale di “fedeltà”, non i 50 anni di militanza, le trasferte in C sotto la pioggia ecc ecc, ma la sottoscrizione della carta.

Per quest’anno le iniziative a favore dei Present sono quelle illustrate, compresa la prelazione per l’acquisto a basso costo dei biglietti delle partite, se ve ne saranno. L’anno prossimo saranno altre e tra due anni altre ancora, magari – solo come esempio – la prelazione del posto sul charter per una trasferta europea

Insomma con i 160 euro Us Lecce, che quest’anno non sa su che introiti da stadio può contare, anticipando un’iniziativa futura, ha chiesto un vero e proprio contributo per entrare nel gruppo dei tifosi “sostenitori”, peraltro in cambio, per quest’anno e per il futuro, di un “occhio di riguardo”.

Definirei l’operazione una sorta di azionariato popolare improprio: pagando 160 euro, e dall’anno prossimo un più basso prezzo di rinnovo annuale, contribuisco alle finanze della mia squadra, avendone in cambio non una partecipazione sociale, come nell’azionariato, ma lo status di tifoso sostenitore e di riguardo.

Un solo appunto faccio (tutto è sempre migliorabile): avrei previsto una Family Present, con prezzi di adesione inferiori per i componenti di un tot nucleo familiare.

Anche per me, come per tutti, 160 euro saranno un sacrificio, ma, soprattutto nell’attuale contesto storico finanziario, ritengo l’iniziativa giusta – non per la piaggeria di cui verrò accusato – e aderirò appena possibile. E spero che a lungo andare la carta venga interpretata per quello che è: un segno tangibile di appartenenza, magari da regalare per il compleanno o al figlio neonato di un tifoso del Lecce.

IN ALTO I CUORI GIALLOROSSI

Oronzo Valletta

 

Condividi con:

redazione.lecceoggi@gmail.com

No Comments

Leave A Comment