Lecceoggi.com - Attualità, cronaca e curiosità in tempo reale dalla provincia di Lecce.
HomeSportPELLÈ ESCLUSO DALLA NAZIONALE PER AVER RIFIUTATO LA STRETTA DI MANO DI VENTURA

PELLÈ ESCLUSO DALLA NAZIONALE PER AVER RIFIUTATO LA STRETTA DI MANO DI VENTURA

PELLÈ ESCLUSO DALLA NAZIONALE PER AVER RIFIUTATO LA STRETTA DI MANO DI VENTURA

GRAZIANO PELLE'

Il non aver accettato di stringere la mano dell’allenatore, Giampiero Ventura, al momento della sostituzione nel corso della partita della Nazional Italiana contro la Spagna, costa caro a Graziano Pellè.

A Pellè viene contestato da parte della FIGC un «atto irriguardoso» nei confronti del tecnico ed è satto escluso dalla lista dei giocatori che domenica dovranno affrontare la Macedonia e tornerà immediatamente a casa.

In Nazionale ci sono valori e comportamenti da condividere e rispettare: questo in sintesi quanto afferma un comunicato della Figc. Il ct Gian Piero Ventura, d’intesa con la FIGC, si legge nella nota «ha deciso di escludere» Pellè dalla lista dei convocati per la gara con la Macedonia in programma domenica a Skopje, «per il comportamento irrispettoso tenuto al momento della sostituzione» durante la gara di ieri con la Spagna. «Far parte della Nazionale comporta infatti la condivisione di valori e l’assunzione di atteggiamenti consoni alla maglia azzurra, a cominciare dal rispetto nei confronti dello staff, dei compagni di squadra e dei tifosi. Il calciatore farà ritorno oggi nel proprio club di appartenenza».

Questa notte erano arrivate le scuse via social da parte del centravanti della nazionale. «Eh si! Purtroppo, mi capita nuovamente di fare una cavolata. Un comportamento inaccettabile, nei confronti del mister in primis e di riflesso ai miei compagni, che hanno sempre dimostrato di avere dei valori importanti all’interno di un fantastico gruppo ITALIA nel quale facciamo parte. Come ogni errore grave  si subiscono sempre delle conseguenze. Ed è giustissimo che io mi prenda delle responsabilità sull’accaduto. Era doveroso rivolgere le scuse di cuore a tutti».

Condividi con:

redazione.lecceoggi@gmail.com

No Comments

Leave A Comment