Lecceoggi.com - Attualità, cronaca e curiosità in tempo reale dalla provincia di Lecce.
HomePoliticaPIENA FIDUCIA IN MONOSI DA PARTE DEI “FITTIANI”

PIENA FIDUCIA IN MONOSI DA PARTE DEI “FITTIANI”

PIENA FIDUCIA IN MONOSI DA PARTE DEI “FITTIANI”

Al fianco di Attilio Monosi si schiera Direzione Italia che difende l’assessore al Bilancio e Giliberti che lo conferma in lista: “Opera nel pubblico interesse”  

img_archivio11252017184133

In risposta alla ridda di voci e supposizioni scatenate dal blitz operato stamane dalla Guardia di Finanza scende in campo il partito che fa capo a Fitto e tutti in coro difendono a spada tratta Attilio Monosi tirato in causa con l’interdizione dai pubblici uffici disposta dagli inquirenti. Partito e candidato Sindaco blindano, invece, Monosi e lo stesso Giliberti lo conferma nelle liste elettorali

“Attilio Monosi – si legge in una nota di Direzione Italia firmata dal coordinatore Antonio Gabellone, dal sindaco uscente, Paolo Perrone, e dai parlamentari del partito – è una persona perbene, siamo assolutamente certi della sua correttezza e Direzione Italia gli conferma piena fiducia, convinta delle sue qualità umane, politiche e professionali”.

“Siamo nella fase delle indagini preliminari – si legge ancora -, e non consentiremo alle opposizioni di continuare a sollecitare la magistratura, auspicando di trovare fra le righe delle pagine di cronaca giudiziaria temi livorosi e polemici, mancando loro quelli programmatici”.

“L’assessore – puntualizzano – è sfiorato per ragioni amministrative da un’inchiesta grave che riguarda tutt’altre vicende, ed ha ancora una volta operato nell’interesse esclusivo della Città puntando a regolarizzare una vicenda per cui il Comune di Lecce era parte lesa. L’operato politico dell’assessorato ha infatti consentito il recupero delle intere somme erroneamente anticipate dal Comune: 130mila euro, in data 20 luglio 2016”.

“Appaiono per questo incomprensibili – si evidenzia – i motivi per i quali la Procura avrebbe addirittura chiesto l’arresto per Monosi. Non si comprende poi l’esigenza di notificare proprio oggi l’ordinanza, giornata della presentazione delle liste- Così come sarebbero singolari ulteriori sviluppi di altre vicende giudiziarie, di cui si parla da anni, da qui sino alla data delle elezioni, perché come è noto sarebbero solo oggetto di strumentalizzazioni politiche inaccettabili e rischierebbero solo di condizionare la campagna elettorale”.

“Ci saranno tempi e modi – concludono -, in fase di contraddittorio, per dimostrare l’innocenza piena di Attilio Monosi”.

Condividi con:

redazione.lecceoggi@gmail.com

No Comments

Leave A Comment