Lecceoggi.com - Attualità, cronaca e curiosità in tempo reale dalla provincia di Lecce.
HomeCronaca e AttualitàPORTO CESAREO: ANCHE I PUNTI D’ORMEGGIO SOGGETTI ALLA PROCEDURA CONCORSUALE

PORTO CESAREO: ANCHE I PUNTI D’ORMEGGIO SOGGETTI ALLA PROCEDURA CONCORSUALE

PORTO CESAREO: ANCHE I PUNTI D’ORMEGGIO SOGGETTI ALLA PROCEDURA CONCORSUALE

Il Tar Puglia, sede di Lecce, con sentenza pubblicata il 10 settembre, ha ribadito il principio che anche per il rilascio di una concessione demaniale per la realizzazione di un punto di ormeggio non si può eludere la procedura concorsuale, rigettando quindi per infondatezza il ricorso di due operatori contro il Comune di Porto Cesareo che aveva espresso il suo diniego con nota del gennaio scorso.

La diatriba in discussione parte dall’ormai lontano 2006 quando venne presentata un’istanza di concessione, inizialmente con parere contrario della Soprintendenza, superato quest’ostacolo ci fu il rilascio, e siamo nel 2017, dell’autorizzazione paesaggistica da parte del Comune. Nel biennio successivo i proponenti hanno sollecitato formalmente la conclusione del provvedimento fino ad arrivare al diniego ultimo dell’amministrazione, fondato essenzialmente sulla circostanza che la sopravvenuta legge regionale del 2015 impone per le concessioni in campo all’ente comunale (tra queste i punti di ormeggio) l’esperimento di una gara di evidenza pubblica.

Davanti ai giudici del

La Sezione prima del Tar, ha accolto le tesi esposte per conto del Comune dall’avvocato Antonio Quinto; i giudici hanno spiegato che la semplice procedure del “rende noto”, risalente al 2010, e riferita alla richiesta originaria, non può soddisfare le esigenze di tutela della concorrenza, essendo un passaggio esclusivamente endoprocedimentale che, in assenza di rilascio del titolo e per effetto della legge regionale del 2015, si deve intendere superato.

I ricorrenti, nelle memorie difensive presentate a giugno, hanno sollevato anche una questione di costituzionalità della norma regionale – quella che attribuisce ai Comuni la competenza per le concessioni relative ai punti di ormeggio -, ritenuta in contrasto con gli articoli 117 (riparto della competenza legislativa tra Stato e Regioni) e 41 (libertà di iniziativa economica). Sul punto i giudici del Tar, condividendo l’impostazione dell’amministrazione, hanno chiarito che “la previsione di ordinarie dinamiche concorsuali ai fini del rilascio delle nuove concessioni è in linea con la normativa statale e comunitaria in materia di concorrenza, che richiede l’esperimento di una procedura di selezione aperta, pubblica e trasparente tra gli operatori economici”.

L’avvocato Quinto, da parte sua, ha ripreso l’insegnamento della Corte Costituzionale, secondo cui in materia di concessioni demaniali marittime occorre verificare se le disposizioni regionali in materia abbiano invaso, derogandola, la competenza esclusiva statale in materia di tutela della concorrenza. Nel caso della Puglia la risposta è negativa, poiché l’articolo 8, prescrivendo procedure di evidenza pubblica, ha come finalità proprio la tutela del diritto di accesso al mercato da parte di nuovi operatori”.

Non solo: “La sentenza in argomento – ha commentato Antonio Quinto – si inserisce nel dibattito in corso anche sulla legittimità delle proroghe delle concessioni demaniali in essere. La cosiddetta proroga si risolve infatti in un rinnovo di affidamento di concessioni, che, come affermato dal diritto europeo, non può sottrarsi al rispetto della concorrenza attraverso procedure concorsuali”.

Condividi con:

redazione.lecceoggi@gmail.com

No Comments

Leave A Comment