Lecceoggi.com - Attualità, cronaca e curiosità in tempo reale dalla provincia di Lecce.
HomeEventi e SpettacoliPRESICCE-ACQUARICA: AL VIA IL FESTIVAL “ARMONIA” CON LA DOZZINA DELLO STREGA

PRESICCE-ACQUARICA: AL VIA IL FESTIVAL “ARMONIA” CON LA DOZZINA DELLO STREGA

PRESICCE-ACQUARICA: AL VIA IL FESTIVAL “ARMONIA” CON LA DOZZINA DELLO STREGA

Dal 26 al 29 maggio. Sabato 28 maggio la nascita ufficiale del sistema bibliotecario del Capo Di Leuca

Da giovedì 26 a domenica 29 maggio i dodici romanzi finalisti della 76ma edizione del Premio Strega, il più importante riconoscimento letterario italiano, arrivano nel comune di Presicce-Acquarica per l’ottava edizione di “Armonia. Narrazioni in Terra d’Otranto” sul tema “Leggere nella tempesta”. Nei vari attrattori culturali del comune salentino si alterneranno Marino Magliani e Jana Karšaiová (giovedì 26),  Davide Orecchio e Mario Desiati (venerdì 27), Veronica Galletta, Alessandra Carati e Claudio Piersanti (sabato 28), Alessandro Bertante, Fabio Bacà, Daniela Ranieri, Marco Amerighi e Veronica Raimo (domenica 29). Sabato 28 alle 10:30 il Festival ospiterà la nascita ufficiale del Sistema Bibliotecario del Capo di Leuca, importante esperimento di gestione di beni culturali. Ideato e organizzato dalla Libreria Idrusa di Alessano e dall’Associazione Narrazioni, Armonia proseguirà nel corso dell’estate con la partecipazione di Domenico Procacci (11 giugno a Presicce-Acquarica) e Paolo Rumiz (3 luglio a Santa Maria di Leuca) e con due appuntamenti (16/17 luglio a Lucugnano) in collaborazione con il Premio Italo Calvino e con il Festival di scrittrici inQuiete.

“Leggere nella tempesta” è il tema dell’ottava edizione di “Armonia. Narrazioni in Terra d’Otranto” che, per tutta l’estate, proporrà un ricco programma di presentazioni e incontri nel Capo di Leuca. Si parte da giovedì 26 a domenica 29 maggio in numerosi attrattori culturali di Presicce-Acquarica con  la “dozzina” della 76ma edizione del Premio Strega. Da cinque anni, infatti, il Festival ideato e organizzato dalla Libreria Idrusa di Alessano e dall’Associazione Narrazioni accoglie l’unica tappa pugliese dello Strega Tour che (in attesa della cinquina) porta in giro per l’Italia semifinaliste e semifinalisti del più importante riconoscimento letterario italiano.  «Certo il mondo è sempre più in balia di terribili tempeste. Navighiamo spaesati e infiacchiti, senza neppure il tempo di prender fiato dall’apnea pandemica e già siamo risucchiati nel cuore di un vortice sempre più feroce di conflitti», spiegano gli organizzatori Michela Santoro e Andrea Cacciatore. «Eppure, nel nostro remoto angolo del sud Europa, vogliamo continuare ad aprire varchi di riflessione, di incontro, di bellezza intorno alla parola scritta. Ci appigliamo alle pagine come ad una zattera salvifica. Vogliamo continuare a leggere, anche nella tempesta».

Il via giovedì 26 maggio alle 18:30 dal Palazzo Ducale (località Presicce) con l’inaugurazione del Festival e con la presentazione dei primi due romanzi. Alle 19 Marino Magliani, dialogando con Giulia Falzea e Luciano De Francesco con letture di Donato Chiarello, presenterà “Il cannocchiale del tenente Dumont” (L’Orma), una narrazione mossa e visionaria, che alterna la velocità della grande avventura all’ampio respiro della pittura di paesaggio. Alle 20, Ilaria Macchia e Valeria Bisanti, con letture di Elisa Maggio, incontreranno Jana Karšaiová, autrice di “Divorzio di velluto”, un esordio letterario di grande maturità nel quale la separazione tra Slovacchia e Repubblica Ceca riverbera quelle tra Katarína e il marito Eugen, tra Viera e un paese per lei troppo stretto.

Venerdì 27 maggio dalle 19 in Piazzetta Municipio (località Acquarica) spazio a “Storia aperta” di Davide Orecchio (Bompiani), che insegue il mistero di un padre sconosciuto e ne indaga le traiettorie possibili. L’autore dialogherà con Giulia Falzea e Andrea Donaera con letture di Massimiliano Stefano. Alle 20, Mario Desiati, direttore artistico delle prime sette edizioni di Armonia, parlerà di “Spatriati” con Orietta Limitone e Maila Cavaliere, con letture di Donato Chiarello. Il libro è un romanzo sull’appartenenza e l’accettazione di sé, sulle amicizie tenaci, su una generazione che ha guardato lontano per trovarsi.

Sabato 28 maggio alle 10:30 nel Castello medievale (località Acquarica) il Festival ospiterà anche la nascita ufficiale del Sistema Bibliotecario del Capo di Leuca, importante esperimento di gestione di beni culturali. Dopo il saluto del Sindaco di Presicce-Acquarica Paolo Rizzo, l’incontro sarà introdotto da Andrea Cacciatore, presidente dell’Associazione Narrazioni, anima del festival e del percorso partecipativo sfociato nell’adozione del Patto Locale per la Lettura e del Sistema Bibliotecario, e proseguirà con gli interventi di Vincenzo Santoro (responsabile del Dipartimento Cultura e Turismo dell’ANCI), Luigi De Luca (direttore del Polo Bibliomuseale di Lecce), Donato Metallo (presidente della Commissione Cultura del Consiglio regionale della Puglia). Subito dopo i sindaci dei sette Comuni aderenti (Alessano, Castrignano del Capo, Corsano, Montesano Salentino, Patù, Presicce-Acquarica, Salve) procederanno alla sottoscrizione della Convenzione che disciplinerà il funzionamento del Sistema.

Dalle 19 si torna allo Strega con un triplo appuntamento nell’Ex Convento dei Carmelitani (località Presicce). Si inizia con “Nina sull’argine” di Veronica Galletta (minimum fax), un apologo sulla vulnerabilità che si inserisce in un’ampia tradizione di letteratura sul lavoro, declinandola in maniera personale. L’autrice si confronterà con Gaia Giovagnoli e Giulia Falzea con letture di Giustina De Iaco. A seguire Valeria Bisanti e Beatrice Ghezzi, con letture di Elisa Maggio, incontreranno Alessandra Carati e il suo “E poi saremo salvi” (Mondadori), una piccola storia nella Grande storia che dà vita a un mondo di esuli così vero e toccante da essere destinato a rimanere a lungo impresso nella mente del lettore. In chiusura “Quel maledetto Vronskij” di Claudio Piersanti (Rizzoli), che parlando con Rossano Astremo e Antonietta Stasi con letture di Giustina De Iaco, parlerà della storia di un uomo che non crede alla fine di un amore, un romanzo di ossessioni, tenacia e tenerezza.

Doppia “sessione” per la giornata conclusiva di domenica 29 maggio. Alle 10:30 i Giardini Pensili di Palazzo Ducale (località Presicce) accoglieranno “Mordi e fuggi” di Alessandro Bertante (Baldini+Castoldi), un romanzo duro e avvincente, dal ritmo serrato e incalzante, che non cerca facili risposte ma che apre nuove domande su uno dei periodi più drammatici della recente storia italiana. Con l’autore Valentina Murrieri e Federico Imperato con letture di Massimiliano Stefano. Fabio Bacà con Rossano Astremo e Michela Santoro, con letture di Donato Chirello, racconterà “Nova” (Adelphi), la vita del neurochirurgo Davide in una Lucca suburbana. Dalle 19 il festival si sposterà nel Castello Medievale (località Acquarica) con “Stradario aggiornato di tutti i miei baci” di Daniela Ranieri (Ponte alle Grazie), un diario lucido e iperrealistico, in cui ogni dettaglio, ogni sussulto di vita interiore è trattato allo stesso tempo come dato scientifico e ferita dell’anima, con la partecipazione Daniela De Pascalis e Maria Grazia Bello con letture di Erina Pedaci. Alle 20 Marco Amerighi con “Randagi” (Bollati Boringhieri), un abbagliante romanzo sulla giovinezza e su quei fragilissimi legami nati per caso che nascondono il potere di cambiare le nostre vite, presentato da Carlo Ciardo e Michela Santoro con letture di Roberto Treglia. Alle 21, infine, Giulia Falzea e Omar Di Monopoli, con letture di Elisa Maggio, dialogheranno con Veronica Raimo del suo romanzo “Niente di vero” (Einaudi), la scommessa riuscita, rarissima, di curare le ferite ridendo. All’origine ci sono una madre onnipresente che riconosce come unico principio morale la propria ansia; un padre pieno di ossessioni igieniche e architettoniche che condanna i figli a fare presto i conti con la noia; unfratello genio precoce, centro di tutte le attenzioni.

Il Festival proseguirà poi con Armonia Estate con la presenza di Domenico Procacci (11 giugno a Presicce-Acquarica), Paolo Rumiz (3 luglio a Santa Maria di Leuca) e con due appuntamenti (16/17 luglio a Lucugnano) in collaborazione con il Premio Italo Calvino e con il Festival di scrittrici inQuiete.

Armonia. Narrazioni in Terra d’Otranto è ideato e organizzato dalla Libreria Idrusa di Alessano e dall’Associazione Narrazioni, in collaborazione con Fondazione Maria e Goffredo Bellonci, Premio Strega, Premio Italo Calvino, InQuiete, Parco Culturale Ecclesiale de FinibusTerrae, Tina Lambrini – Casa Comi con il contributo dei Comuni di Presicce-Acquarica, Castrignano del Capo e da alcuni sponsor privati. Media partner Radio Peter Pan, RadioVenere e OraComunica. Tutti gli appuntamenti sono a ingresso libero e gratuito.

Condividi con:

redazione.lecceoggi@gmail.com

No Comments

Leave A Comment