Lecceoggi.com - Attualità, cronaca e curiosità in tempo reale dalla provincia di Lecce.
HomeCronaca e AttualitàPROVVEDIMENTI RESTRITTIVI ESEGUITI DALLA COMPAGNIA CARABINIERI DI CASARANO

PROVVEDIMENTI RESTRITTIVI ESEGUITI DALLA COMPAGNIA CARABINIERI DI CASARANO

PROVVEDIMENTI RESTRITTIVI ESEGUITI DALLA COMPAGNIA CARABINIERI DI CASARANO

Caserma-Carabinieri-Casarano-300x232

Negli scorsi giorni i Carabinieri della Compagnia di Casarano (Le) hanno dato esecuzione a tre distinti provvedimenti restrittivi emessi dall’Autorità Giudiziaria.

A Parabita veniva notificata un’ordinanza applicativa della misura alternativa della detenzione domiciliare nei confronti di SYLLA Khadim, senegalese classe 79. Il cittadino extracomunitario, a seguito del rigetto dell’istanza di affidamento in prova ai servizi sociali, veniva tradotto presso la propria abitazione per scontare una pena residua di 6 mesi di reclusione. Il provvedimento emesso dal Tribunale di Sorveglianza di Roma è conseguente alle diverse vicende penali che l’hanno visto coinvolto nell’anno 2011. In particolare vengono contestate innumerevoli condotte illecite che vanno dalla ricettazione alla violazione della legge speciale sul diritto d’autore.

A Matino invece i militari hanno notificato un’ordinanza di esecuzione pena in regime di detenzione domiciliare nei confronti di KABOUCHIA Abderrahim, marocchino classe 83. Lo stesso dovrà scontare la rimanente condanna di 1 anno e 2 mesi di reclusione, nonché il pagamento di 12.000 euro di multa. Il reato contestato riguarda diversi illeciti in materia di “detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti” (art. 73 D.P.R. 309/1990) commessi a Cursi nell’anno 2010.

Infine a Ruffano i Carabinieri hanno dato esecuzione ad un ordine di carcerazione emesso dalla Procura Generale Presso la Corte di Appello di Lecce nei confronti di GRAVANTE VITO WILLIAM, classe 81. Il GRAVANTE dovrà scontare 5 anni e 2 mesi di detenzione presso la Casa Circondariale di Lecce. La sentenza divenuta definitiva a seguito della dichiarazione di inammissibilità del ricorso di Cassazione contesta l’appartenenza ad un’“associazione finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti”, operante tra Ruffano e Comuni limitrofi nel periodo  2011- 2012.

 

Condividi con:

redazione.lecceoggi@gmail.com

No Comments

Leave A Comment