HomeCronaca e AttualitàPUNTI CARDINALI, PARTITA L’ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO

PUNTI CARDINALI, PARTITA L’ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO

PUNTI CARDINALI, PARTITA L’ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO

Da ieri è aperto lo sportello al chiostro dei Carmelitani. Via anche ai laboratori

Via alle attività previste da P.U.O.I. (Promuovere Un Orientamento Innovativo), il progetto che vede insieme il Comune di Nardò e un partenariato composto da una ventina di soggetti pubblici e privati (con capofila la società cooperativa Arnia, agenzia per il lavoro) e che è stato finanziato dalla Regione Puglia con 91 mila euro dell’avviso “Punti cardinali: punti di orientamento per la formazione e il lavoro”. Da ieri, al primo piano del chiostro dei Carmelitani, è attivo lo sportello di orientamento, coordinato da Francesca Inguscio, referente del progetto, che garantisce supporto a tutti coloro che vogliono ricercare attivamente lavoro, valutare futuri sbocchi professionali o semplicemente redigere correttamente un Cv. Gli esperti di orientamento e accompagnamento al lavoro sono a disposizione anche al fine di ridefinire e redigere un progetto personale professionale o formativo. Non solo, i professionisti possono far valere le loro competenze anche nel sostenere e chiarire pensieri, sentimenti e incertezze di giovani e adulti che stanno per operare scelte future formative o lavorative autonome. Lo sportello è aperto nei giorni di lunedì, martedì, mercoledì e venerdì dalle ore 9 alle 13 e giovedì dalle ore 16:30 alle 19:30.

“Dagli annunci alle attività concrete, dalla teoria alla pratica – dice l’assessora alla Formazione Giulia Puglia – avviamo il progetto e cerchiamo di rinforzare quel “ponte” che separa gli studenti o i disoccupati dal mondo del lavoro. Quelle di P.U.O.I. sono strade innovative e sperimentali e sono anche “reti” tra soggetti pubblici e privati, con l’obiettivo di orientare al meglio i giovani e aiutarli a scelte utili”.

All’istituto professionale “Moccia” sono partiti i laboratori di orientamento scolastico destinati agli studenti delle seconde e terze classi. Ci saranno poi un laboratorio sui modelli operativi di ricerca attiva del lavoro, un laboratorio sulle politiche attive, sulle opportunità e l’auto-impresa, un laboratorio sull’avvio della professione del cantante moderno, un laboratorio sui nuovi orizzonti del lavoro digitale, un laboratorio per la creazione di imprese, destinati tutti a disoccupati, inoccupati e giovani tra i 15 e i 29 anni.

 

luciani.2006@libero.it

No Comments

Leave A Comment