Lecceoggi.com - Attualità, cronaca e curiosità in tempo reale dalla provincia di Lecce.
HomeCronaca e AttualitàREGOLAMENTO ZTL E CENTRO STORICO, DICHIARAZIONI DE MATTEIS E FORESIO

REGOLAMENTO ZTL E CENTRO STORICO, DICHIARAZIONI DE MATTEIS E FORESIO

REGOLAMENTO ZTL E CENTRO STORICO, DICHIARAZIONI DE MATTEIS E FORESIO

Di seguito dichiarazioni degli assessori alla Mobilità sostenibile Marco De Matteis e alle Attività produttive Paolo Foresio sugli effetti dell’applicazione del nuovo regolamento Ztl e sul tema degli esercizi di somministrazione nel centro storico, sollevati da un comunicato del “comitato dei residenti”:

“Con l’entrata in vigore dei nuovi orari Ztl, le vie del centro storico sono decisamente meno affollate di automobili, a beneficio della valorizzazione della città antica e anche della possibilità per i residenti di trovare parcheggio – dichiara l’assessore alla Mobilità sostenibile Marco De Matteis – In questi giorni i primi turisti che visitano la nostra città non sono più immersi, negli orari di punta, tra i gas di scarico dei furgoni e delle auto mentre si trovano a pranzo per le vie del centro storico. E ciò perché l’ampliamento degli orari della Ztl a 18 ore ha portato a una diminuzione del traffico automobilistico e della sosta indiscriminata rispetto al precedente regime regolamentare nel quale la Ztl era attiva per 9 ore, a vantaggio della vivibilità complessiva del centro storico, che interessa residenti, turisti, operatori economici. La Ztl è protetta dalle telecamere, che tengono traccia dei flussi in entrata e in uscita, come più volte negli anni hanno richiesto le associazioni dei residenti che storicamente chiedono meno auto. Anche per questo, non tenere accese le telecamere in uscita significherebbe legittimare la pratica di entrare nel centro storico con l’auto negli orari di libero accesso, parcheggiare abusivamente e uscire all’orario che più è comodo al trasgressore, vanificando di fatto ogni restrizione oraria. Aggiungo che l’individuazione delle fasce orarie di libero accesso, in questo primo step di avvicinamento alla Ztl h24, ha tenuto conto delle osservazioni delle associazioni di categoria, parzialmente accolte dall’amministrazione. Che agisce esclusivamente nell’interesse pubblico. A tutela della vivibilità del centro storico, ricordo, anche i titolari di attività commerciali e i loro dipendenti, così come gli studi professionali, gli amministratori e i dirigenti di Palazzo Carafa e tante altre categorie, non hanno diritto al pass, potendo agevolmente parcheggiare fuori dalla Ztl e raggiungere in pochissimi minuti le proprie attività o il posto di lavoro. Come più volte ricordato, inoltre, il Regolamento, per sua natura, è sempre perfettibile: dopo questo primo periodo di rodaggio valuteremo quali modifiche proporre al Consiglio comunale”.

“Riguardo alla presenza di pub, ristoranti e attività di somministrazione, nella nota del comitato c’è una evidente alterazione della realtà dei fatti. la delibera che ha riguardato i cambi funzionali nel centro storico sta portando ad una diminuzione delle attività di somministrazione, dato che non tutti gli esercizi commerciali dispongono di spazi per adeguarsi ai criteri igienico-sanitari richiesti – dichiara l’assessore alle Attività Produttive Paolo Foresio – Si tratta di attività che si avviano a cambiare tipologia di offerta merceologica, a vantaggio della diversificazione. E dunque di chi vive nel centro storico, che per noi è il quartiere della città più prezioso dal punto di vista storico monumentale. La volontà dell’amministrazione è sempre stata quella di restituire ordine e decoro al centro storico, e così sta avvenendo”

Condividi con:

redazione.lecceoggi@gmail.com

No Comments

Leave A Comment