Lecceoggi.com - Attualità, cronaca e curiosità in tempo reale dalla provincia di Lecce.
HomeNewsREPORT SULLA CONFERENZA TENUTA DA PANTALEO CORVINO

REPORT SULLA CONFERENZA TENUTA DA PANTALEO CORVINO

REPORT SULLA CONFERENZA TENUTA DA PANTALEO CORVINO

Il petardo esploso durante la partita Vicenza-Lecce? Un gesto da condannare e punire. Il comportamento di Contini? Antisportivo, non una sceneggiata, bensì, una vera e propria pagliacciata, per la quale ci si riserva di chiedere un’inchiesta alla Procura Federale.

A pochi giorni dalla gara persa con il Vicenza, il Responsabile dell’Area Tecnica giallorossa, Pantaleo Corvino, compie una serie di riflessioni, meglio chiamarle puntualizzazioni, per rassicurare tutti sulla concentrazione di tutto l’ambiente per la sfida di venerdì sera contro il Pordenone.

“Con Stefano Trinchera abbiamo pensato che fosse giusto fare alcune considerazioni, le riteniamo importanti e necessarie perché siamo a bocce ferme e non possono passare inosservate alcune situazioni che abbiamo vissuto. Nonostante ciò, rassicuro tutti che siamo concentrati sul presente, sul domani e dopodomani. Venerdì sera abbiamo l‘impegno più importante della stagione, che ci deve portare alla vittoria per chiudere meritatamente il campionato da primi. Siamo tutti concentrati, soprattutto la squadra che ieri ha sostenuto in toto un allenamento facoltativo”, ha dichiarato Corvino.

“Condanniamo, lo dico a nome dell’intera società, ogni forma di violenza, compreso un petardo lanciato, o messo sotto le transenne per gioire a un gol, è giusto manifestare la felicità in tanti modi, ma non così”.

“Escludiamo qualsivoglia congettura da parte del club Vicenza, da parte degli steward, perché una situazione del genere non può avere nulla a che fare con una società così importante, con la sua proprietà e con la professionalità di chi svolge il proprio lavoro. Detto questo, mai alcun petardo ha procurato una sospensione di gara così lunga, alterando una partita che il Lecce meritatamente stava vincendo anticipando la promozione in Serie A e facendo gioire un intero territorio. Non si è enfatizzato chi ha peccato di comportamento antisportivo, non è stata una sceneggiata, ma mi prendo le mie responsabilità affermando che si è trattato di una pagliacciata. Una gara sospesa per un tesserato che lontano dal luogo dell’esplosione si è accasciato al suolo e al quale è stato messo un collare come se avesse avuto un trauma. Che qualcuno abbia peccato di slealtà nessuno lo ha mai sottolineato, andrebbe aperta un’inchiesta dalla Procura per questo comportamento. Alla ripresa c’era un altro clima e anche il rigore può essere stato assegnato e poi ripetuto anche per la situazione che si era creata”.

“Il Giudice Sportivo ha comminato 10mila euro di multa ed è stato molto coerente, avendo applicato la stessa sanzione anche dopo una gara Crotone-Benevento nella quale, dopo lo scoppio di un petardo lanciato sul terreno di gioco, era rimasto stordito lo stesso tesserato che sabato ha lasciato il terreno di gioco nella sfida contro il Vicenza”. Poi Corvino ha parlato dell’aspetto che più interessa i tifosi, l’incontro con i calciatori “Ai ragazzi, il giorno dopo l’incontro, ho chiesto cosa sia successo negli ultimi minuti e l’ho fatto a nome del Salento. La sera dopo la partita non ho dormito, ma poi ho pensato che gli errori si fanno e tutti li abbiamo fatti, anche in serie A e in Champions League, ma il fatto di essere primi in classifica significa che ne sono stati commessi di meno”.

Si studia l’opportunità di chiedere un’inchiesta della Procura Federale

“Chiederemo un’inchiesta alla Procura Federale per responsabilità di un tesserato per comportamento sleale, escludendo la società Vicenza e lo steward. Ripeto, mi prendo le responsabilità, ma quella è stata una pagliacciata”.

Allenamento aperto al pubblico. Questa sera, alle ore 20.00, la squadra sosterrà un allenamento presso lo stadio “Via del Mare”, che sarà aperto a tutti i supporter che vorranno assistervi. Vi si potrà accedere a partire dalle 19.30 in Curva Nord.

 

 

 

 

Condividi con:

redazione.lecceoggi@gmail.com

No Comments

Leave A Comment