Lecceoggi.com - Attualità, cronaca e curiosità in tempo reale dalla provincia di Lecce.
HomeCronaca e AttualitàPER IL RILANCIO TURISTICO NASCE “UNICO PORTO CESAREO”

PER IL RILANCIO TURISTICO NASCE “UNICO PORTO CESAREO”

PER IL RILANCIO TURISTICO NASCE “UNICO PORTO CESAREO”

Le visite guidate, al costo di 6 euro, si svolgeranno il mercoledì e il venerdì.

Servizi turistici integrati, questo è “Unico Porto Cesareo”, un coupon al costo di soli sei euro ideato dall’associazione “Coordinamento Ambientalisti pro Porto Cesareo Onlus”, nell’ambito della gestione del Centro di Educazione Ambientale e del Centro di Esperienza Ambientale e Culturale del Comune di Porto Cesareo, istituiti presso le torri costiere di Torre Lapillo e Torre Chianca, in collaborazione con l’Area Marina Protetta e il Comune.

Una iniziativa che nasce dalla necessità di mettere in rete i beni del territorio di Porto Cesareo, dalla costa all’entroterra e creare un’unica offerta che dia la possibilità al cittadino e al turista di fare un’esperienza autentica alla scoperta delle peculiarità ambientali e culturali del territorio, accompagnati da guide esperte, biologi, geologi, del Centro di Educazione Ambientale e dell’Università del Salento, con cadenza settimanale fino settembre, in piena sicurezza.

“Unico Porto Cesareo” ha l’obiettivo è realizzare una rete ambientale e culturale locale, con l’offerta di servizi d’eccellenza forniti da personale specializzato, attuando una adeguata campagna di informazione e comunicazione, al fine di ampliare l’offerta turistica, destagionalizzandola e intercettando un turismo di qualità. Il tutto a un costo minimo, per un’escursione della durata di due ore e mezza.

Il pacchetto nasce dall’accordo sottoscritto tra il Coordinamento Ambientalisti pro Porto Cesareo, il Comune di Porto Cesareo con il Centro di Educazione Ambientale, il Museo di Biologia Marina “P. Parenzan” dell’Università del Salento e il Consorzio di Gestione “Area Marina Protetta “Porto Cesareo” ed è acquistabile tanto presso la sede del CEA (torre di Torre Lapillo) e il museo quanto presso gli operatori turistici locali.

Due escursioni pomeridiane, il mercoledì e il venerdì, con percorsi differenti: visita guidata del Centro Visite di Torre Lapillo con personale qualificato,  dove il fruitore potrà conoscere gli habitat di pregio sia dell’Area Marina Protetta che della riserva regionale Palude del Conte e Duna Costiera di Porto Cesareo, attraverso la visita delle stanze dedicate che illustrano compiutamente le peculiarità delle aree protette, nonché la collezione malacologica (Barbacovi) e l’esposizione degli attrezzi della piccola pesca artigianale costiera locale; visita guidata del Museo di Biologia Marina “P. Parenzan”, a cura dell’Università del Salento, alla scoperta delle nuove sale che affiancano e vivacizzano l’esposizione della collezione originaria; la Sala della Pesca, concepita come un “avvicinamento” della realtà museale alla realtà locale mediante l’esposizione di modelli in resina dei pesci pescati sul posto, accompagnati da schede didattiche che illustrano in maniera semplice per ciascuna specie sia le caratteristiche morfologiche, che le abitudini di vita; la Sala dello Squalo Elefante che simula, interamente dipinta di blu, le profondità marine in cui nuota questo gigante del mare. Un’attiva produzione di pannelli e poster esplicativi contribuisce alla divulgazione ed alla didattica delle tematiche di salvaguardia ambientale o anche della rivalutazione delle antiche tradizioni locali, come nel caso delle antiche ricette relative alla cucina del pesce a Porto Cesareo; escursione naturalistica guidata con personale qualificato lungo i percorsi della Riserva Naturale Orientata Regionale “Palude del Conte e Duna Costiera – Porto Cesareo”, alla scoperta della biodiversità floristico-vegetazionale e dei paesaggi costieri. Un percorso a piedi che dall’imponente torre costiera denominata Lapillo conduce il visitatore in un’area di grande interesse naturalistico oltre che storico, poiché si caratterizza per la presenza di numerose “spunnulate”, parola che in dialetto locale indica le doline di crollo. Si tratta di voragini formatesi nel tempo dallo scorrere dell’acqua freatica che erode la roccia friabile provocando il cedimento della volta delle cavità carsiche dando vita a piccoli “laghetti” di acqua salmastra. Patrimonio naturalistico in cui sopravvivono numerose specie rare di flora e fauna; visita guidata con personale qualificato di Torre Chianca con illustrazione del Centro di Primo Soccorso Tartarughe Marine e delle mostre archeologiche ivi presenti, dedicate al mare di Porto Cesareo.

Questa iniziativa si inserisce nelle finalità istituzionali dell’Area Marina Protetta di Porto Cesareo e nel percorso di certificazione europea per il Turismo Sostenibile (Cets) al quale l’Amp lavora con il territorio da oltre 3 anni.

Tale proposta, in un’ottica di ampia diffusione, permette al territorio un salto di qualità nella fruizione e conoscenza dello stesso, abbandonando la logica della visita spot o della singola esperienza permettendo al visitatore, locale e non, una conoscenza approfondita del patrimonio culturale ed ambientale del territorio. Porto Cesareo non più come perla balneare dello Jonio ma come atollo di tesori e saperi ambientali e culturali.

 

Condividi con:

redazione.lecceoggi@gmail.com

No Comments

Leave A Comment