Lecceoggi.com - Attualità, cronaca e curiosità in tempo reale dalla provincia di Lecce.
HomeEventi e Spettacoli“I RISULTATI DELLE CAMPAGNE DI SCAVO ARCHEOLOGICO DEGLI ANNI 2019 E 2020”

“I RISULTATI DELLE CAMPAGNE DI SCAVO ARCHEOLOGICO DEGLI ANNI 2019 E 2020”

“I RISULTATI DELLE CAMPAGNE DI SCAVO ARCHEOLOGICO DEGLI ANNI 2019 E 2020”

Giovedì 28 gennaio 2021 online l’inaugurazione dell’anno accademico 2020/2021 della Scuola di Specializzazione in Beni Archeologici “Dinu Adamesteanu” dell’Università del Salento

Incentrata su “I risultati delle campagne di scavo archeologico degli anni 2019 e 2020”, si svolgerà online giovedì 28 gennaio 2021, dalle ore 9, l’inaugurazione del 42mo anno accademico della Scuola di Specializzazione in Beni Archeologici “Dinu Adamesteanu” dell’Università del Salento (modalità di partecipazione su https://www.unisalento.it/-/scavi-di-ateneo).

«Presenteremo gli importanti risultati delle campagne di scavo condotte, in regime di concessione, dagli archeologi dell’Università del Salento nel 2019 e, seppure con notevoli difficoltà e limitazioni dovute alla pandemia, nello stesso 2020», spiega il professor Gianluca Tagliamonte, Direttore della Scuola, «Rispondiamo così a un’esigenza di informazione e comunicazione, ma anche di trasparenza, in considerazione del fatto che tali indagini hanno goduto di finanziamenti pubblici e privati che, anche se spesso assai modesti, talora hanno forte valenza simbolica, come nel caso dei contributi a valere sui fondi del 5 per mille. Le attività di ricerca coprono un ampio orizzonte temporale: si va dalla preistoria (scavi di Mersin, in Turchia) al Medioevo e all’età moderna (scavi delle mura urbiche di Lecce); altrettanto ampio è l’orizzonte geografico: agli scavi condotti nel Salento (Lecce, Muro Leccese, Nardò-Li Schiavoni, Cavallino, Roca, Vaste, Alezio, Torre Santa Sabina) si affiancano quelli effettuati nel Lazio (Aquinum e Fabrateria Nova) e all’estero, a Malta (Tas Silġ), in Turchia (Mersin, Hierapolis di Frigia), in Egitto (Soknopaiou Nesos) e in Iran (Shahr-i Sokhta)».

I lavori della giornata saranno aperti dal Rettore Fabio Pollice e dal Direttore del Dipartimento di Beni Culturali Raffaele Casciaro; seguiranno gli interventi dell’Assessore regionale a Cultura, tutela e sviluppo delle imprese culturali, turismo, sviluppo e impresa turistica Massimo Bray; dell’architetta Maria Piccarreta, recentemente nominata Segretaria Regionale MiBACT per la Puglia; e della Soprintendente nazionale per il Patrimonio culturale subacqueo Barbara Davidde. A conclusione dell’incontro, il Delegato UniSalento alla Comunicazione Stefano Cristante presenterà una serie di poster relativi agli scavi d’Ateneo.

Istituita nel 1979, la Scuola di Specializzazione in Beni Archeologici “Dinu Adamesteanu” dell’Università del Salento è una delle più note e frequentate in Italia. Nel corso degli anni ha formato allievi provenienti da tutta Italia e dall’estero, alcuni dei quali ricoprono oggi incarichi di rilievo presso le strutture centrali e periferiche di MiBACT, università e centri di ricerca.

Condividi con:

redazione.lecceoggi@gmail.com

No Comments

Leave A Comment