Lecceoggi.com - Attualità, cronaca e curiosità in tempo reale dalla provincia di Lecce.
HomeEventi e SpettacoliSAGRE E FESTE PATRONALI SEGNALATE DA LECCEOGGI

SAGRE E FESTE PATRONALI SEGNALATE DA LECCEOGGI

SAGRE E FESTE PATRONALI SEGNALATE DA LECCEOGGI

PALMARIGGI: LA SAGRA “TE LU PANIRI DE LE SITE”

alberello melograno

Generalmente questa festa cade nel secondo fine settimana di ottobre in cui si celebra la Sagra “te lu paniri de le site”. E’ di uso tradizionale che tutta la cittadinanza raccolga i melograni dagli alberi sia privati che pubblici della cittadina di Palmariggi, in cui se ne contano all’incirca 150. Il melograno è sempre stato considerato il simbolo dell’abbondanza e della buona sorte.

La festa “te lu paniri de le site” a Palmariggi come di consueto è animata dalla musica popolare, la pizzica suonata dai vari gruppi locali.

Da oggi a domenica 9 ritorna l’annuale appuntamento con la fiera “te le site” festa dedicata al frutto dai mille usi. E’ la festa dell’autunno, dei suoi sapori, dei suoi colori in una cornice che riporta indietro, alla civiltà contadina e pastorale. “Paniri de le site” è fiera-mercato la mattina della domenica (che rappresenta l’aspetto originario di questo appuntamento annuale), mentre è sagra contadina e del maiale la sera del sabato e della domenica. E’ un antichissimo evento che conta ormai quattro secoli.

Proprio la melagrana cui è intitolata la Fiera, quella “sita” che nel linguaggio antico e nobile del Salento ha la stessa derivazione dal nome greco del grano, “sitos” appunto. E’ la signora della festa che troneggia nei “paniri”, o meglio “panari” (cesti di vimini) intrecciati da mani abili di artigiani del luogo che rappresentano l’incontro, lo scambio, e non solo di merci. La melagrana è inoltre simbolo di fecondità. E’ da sempre una fiera seguita da tutti i commercianti, contadini, allevatori di bestiame, ecc. dei dintorni. Già all’alba praticamente in tutto il centro abitato di Palmariggi si “piazzano” le numerose bancarelle. Caratteristica è anche la fiera del bestiame in un area a ridosso della piazza.

 

Condividi con:

redazione.lecceoggi@gmail.com

No Comments

Leave A Comment