Lecceoggi.com - Attualità, cronaca e curiosità in tempo reale dalla provincia di Lecce.
HomeRubricheSAGRE E FESTE PATRONALI SEGNALATE DA LECCEOGGI

SAGRE E FESTE PATRONALI SEGNALATE DA LECCEOGGI

SAGRE E FESTE PATRONALI SEGNALATE DA LECCEOGGI

ACQUARICA DEL CAPO – FESTA DI SAN CARLO BORROMEO

Acquarica-del-Capo-chiesa-di-san-carlo

04 – 8 novembre 2016

Nella prima decade di novembre, ad Acquarica del Capo, nella zona di Santa Maria di Leuca, si svolge la celebrazione della Festa di San Carlo Borromeo.

Questa per Acquarica del Capo è la festa patronale, in cui si organizzano innumerevoli eventi ed interventi di musica e spettacolo

Nel corso della Festa di San Carlo Borromeo ad Acquarica del Capo è anche presente il mercato del bestiame con compravendita di materiale per l’agricoltura.

Fu eletto protettore di Acquarica quando il Barone Fabrizio Guarino ottenne per sua intercessione una miracolosa guarigione dalla peste, per ringraziare della quale fece erigere in Acquarica una chiesa con un maestoso campanile.

Si è stabilito di festeggiarlo sempre la prima domenica dopo il 4 Novembre, giorno che il calendario dedica al Santo

Carlo Borromeo, nato ad Arona il 2 ottobre del 1538, morto a Milano il 3 novembre del 1584, cresciuto in una nobile e ricca famiglia milanese, nipote di Papa Pio IV, fin da giovanissimo abbracciò la carriera ecclesiastica, dimostrando per essa predisposizione ed indole caritatevole, tesa all’aiuto dei poveri e meritevoli. Nel 1564 creò, infatti, a Pavia una struttura residenziale molto attrezzata per ospitare studenti universitari di scarse condizioni economiche ma con elevati livelli di preparazione e attitudine allo studio; istituto che da lui prese il nome di Almo Collegio Borromeo. Questa istituzione rappresenta ancora oggi il più antico e prestigioso collegio storico di Pavia e tra i più antichi d’Italia.

Chiamato a Roma dallo zio Papa, partecipò alle ultime fasi del Concilio di Trento e collaborò alla stesura del Concilio Tridentino.

Fu, dopo, Arcivescovo di Milano dove morì il 3 novembre del 1584 lasciando il suo cospicuo patrimonio ai poveri.
Come Santo viene festeggiato il 4 Novembre. E’ considerato protettore dei frutteti di mele; è patrono dei seminaristi e dei direttori spirituali. E’ invocato contro le ulcere e le malattie dello stomaco.

 

Condividi con:

redazione.lecceoggi@gmail.com

No Comments

Leave A Comment