Lecceoggi.com - Attualità, cronaca e curiosità in tempo reale dalla provincia di Lecce.
HomeCronaca e AttualitàSAN FOCA: CANTIERE TAP STOP AI LAVORI PER CONSENTIRE IL RIPOSO DELLE FORZE DELL’ORDINE

SAN FOCA: CANTIERE TAP STOP AI LAVORI PER CONSENTIRE IL RIPOSO DELLE FORZE DELL’ORDINE

SAN FOCA: CANTIERE TAP STOP AI LAVORI PER CONSENTIRE IL RIPOSO DELLE FORZE DELL’ORDINE

1490037622262.jpg--

I rappresentanti della multinazionale svizzera, hanno fatto sapere che i lavori di espianto degli ulivi saranno momentaneamente sospesi perché la Questura di Lecce ha richiesto un giorno di sosta per poter concedere il necessario riposo agli agenti che da lunedì scorso presidiano ininterrottamente l’area. Nei pressi del antiere ci sono solo alcuni manifestanti che continuano imperterriti, ed in forme assolutamente pacifiche, la loro «veglia funebre». Del clima teso che si respirava a San Basilio nei momenti più caldi resta solo il ricordo. Si tratta solo di una tregua, restano ancora un centinaio di ulivi da espiantare, e non sarà facile continuare le operazioni con le tensioni continue che si registrano.

Bisogna poi tener conto che il dispiegamento di forze è stato decisamente eccessivo, rispetto al numero dei dimostranti supportati solo dalla presenze di alcuni sindaci e consiglieri regionali che hanno deciso di schierarsi accanto a loro. La presenza di sindaci e consiglieri regionali in contrapposizione alle forze dell’ordine ha reso i fatti surreali: Stato contro Stato; il colmo

Intanto, continuano le dimostrazioni “forti” da parte di chi si oppone alla realizzazione dell’opera: la strada che viene percorsa dai camion impegnati nel trasferimento degli ulivi eradicati a Masseria del Capitano, è stata interrotta da grossi blocchi di pietra ‘presi in prestito’ dai vicini muretti a secco, da auto e persino cassonetti della spazzatura.

Il riposo  concesso alle forze dell’ordine danno modo anche agli attivisti NO TAP di riprendere fiato
che da 15 giorni non lasciano da soli i loro ulivi mentre vengono strappati via.

 

 

 

Condividi con:

redazione.lecceoggi@gmail.com

No Comments

Leave A Comment