Lecceoggi.com - Attualità, cronaca e curiosità in tempo reale dalla provincia di Lecce.
HomePoliticaSANITÀ, MAZZOTTA (FI): “DECISIONI DI GIUNTA PIÙ INSTABILI DI FIRENZE NEL MEDIOEVO” 

SANITÀ, MAZZOTTA (FI): “DECISIONI DI GIUNTA PIÙ INSTABILI DI FIRENZE NEL MEDIOEVO” 

SANITÀ, MAZZOTTA (FI): “DECISIONI DI GIUNTA PIÙ INSTABILI DI FIRENZE NEL MEDIOEVO” 

Nota del presidente del Gruppo consiliare di Forza Italia, Paride Mazzotta.

“Un giorno si fanno annunci in pompa magna su ospedali e case di comunità da realizzare e su strutture da attivare e il giorno dopo si annuncia lo stop delle indispensabili assunzioni: quel che accade in Puglia ricorda “la legge Fiorentina, fatta la sera e guasta la mattina” durante la totale instabilità di governo medievale. Oltre a non esserci alcuna strategia evidente sottesa, procedendo a tentoni e ad annunci, non possiamo non notare di essere stati, purtroppo, facili profeti. Quando è stata annunciato il potenziamento della medicina del territorio grazie ai fondi del Pnrr, abbiamo accolto con favore l’iniziativa, ma non ci siamo sottratti dal mettere in guardia la Giunta: ci vuole il personale sanitario per rendere operative le nuove strutture e farle funzionare. Ed oggi, arriva il più infausto degli annunci: si bloccano le assunzioni, anche a tempo determinato, perché la Regione deve prima “effettuare un’attenta pianificazione”. La domanda sorge spontanea: che ne è del piano assunzioniale approvato? Se non è quello il provvedimento in cui disegnare, in base alle indicazioni delle Asl, una pianificazione del fabbisogno di personale, di cosa parliamo? Si punta a costruire cattedrali nel deserto, in una Regione già in carenza di personale, frenando anche ulteriori assunzioni… c’è veramente una grande confusione, ormai incomprensibile ai cittadini, agli operatori e ai sindacati e l’assessore regionale dovrebbe spiegare ai pugliesi se si naviga al buio o c’è ancora un barlume di gestione della sanità regionale”.

 

 

 

 

 

Condividi con:

luciani.2006@libero.it

No Comments

Leave A Comment