Lecceoggi.com - Attualità, cronaca e curiosità in tempo reale dalla provincia di Lecce.
HomeCronaca e AttualitàPRIMA SCHIUSA DI CARETTACARETTA NELLA BAIA DELLE DUNE.

PRIMA SCHIUSA DI CARETTACARETTA NELLA BAIA DELLE DUNE.

PRIMA SCHIUSA DI CARETTACARETTA NELLA BAIA DELLE DUNE.

Ben 79 tartarughine raggiungono il mare attraversando un “carpet di sabbia” tra de ali di folla festose.

La forza della vita che supera le difficolta e la schiusa delle uova di Caretta caretta nell’Amp di Porto Cesareo diventa uno spettacolo unico in pieno giorno tra due ali di folla festanti sulla spiagge delle Dune uno degli arenili più frequentati del litorale costiero cesarino. Erano le 16 di una domenica più che settembrina, agostana, quando un improvviso smottamento di sabbia è stato il segno evidente ed attesissimo che l’evento, atteso sin dal 5 luglio scorso, giorno in cui gli omini dell’Area Marina Protetta Porto Cesareo avevano grazie ad una segnalazione di alcuni bagnanti e preso al volo e rilanciato dal personale dello stabilimento balneare delle Dune, aveva messo in luce una nidiata di uova di tartaruga “caretta-caretta” sull’arenile libero attaccato al noto Lido.

Da quel giorno e sino ad oggi 6 settembre, è stato un continuo susseguirsi di impegni, collaborazioni ed eventi info formativi. In primo piano l’Amp del presidente Remì Calasso e del direttore biologo Paolo D’Ambrosio, dei suoi professionali collaboratori con in prima piano il faunista il dottor Giacomo marzano, gli operatori del Lido Le Dune, attivi protagonisti, dei volontari de Cea – Centro Educazione Ambientale Porto Cesareo – e del locale circolo Legambiente che hanno vegliato ed organizzato sinergicamente ogni dettaglio.

La storia, davvero unica ed eccezionale, ha quindi messo di fronte alla vista di villeggianti e turisti non solo un nido di tartarughe marine con oltre un centinaio di uva, ma anche la paziente, rispettosa e composta attesa durata oltre 60 giorni. La cronaca della giornata, vissuta i diretta sui social, ed immortalata da centinaia di telefonini ha avuto due round per il momento il primo prima alle 18 con la nascita di 72 tartarughine, il secondo poco dopo le 19 quando dalla nido coperto dalla sabbia ne sono sbucate altre 7.

Come ogni storia di vita anche per questa infatti, ora sarà la natura a fare il suo corso. Le tartarughine adesso nuoteranno per diversi giorni verso il largo, senza nemmeno cibarsi, dove condurranno una vita pelagica sino alla maturità sessuale. Solo dopo, spinte dall’istinto riproduttivo ritorneranno sottocosto dove si accoppieranno e magari ritorneranno a deporre sulla stessa spiaggia dove sono nate. Anche per questo l’uomo dovrà garantire per le generazioni future (umane e rettili) la salvaguardia dell’ecosistema spiaggia.

Un ringraziamento d’obbligo al locale Ufficio Marittimo Torre Cesarea guidato dal comandante Massimiliano Colazzo sempre presente con i suoi uomini ed alla direzione ed al personale dello stabilimento le Dune.

Condividi con:

redazione.lecceoggi@gmail.com

No Comments

Leave A Comment