Lecceoggi.com - Attualità, cronaca e curiosità in tempo reale dalla provincia di Lecce.
HomePoliticaSEMPRE PIÙ ATTUALE IL TEMA DEL SOVRAFFOLLAMENTO DELLE CARCERI PUGLIA

SEMPRE PIÙ ATTUALE IL TEMA DEL SOVRAFFOLLAMENTO DELLE CARCERI PUGLIA

SEMPRE PIÙ ATTUALE IL TEMA DEL SOVRAFFOLLAMENTO DELLE CARCERI PUGLIA

L’Associazione Antigone Puglia da tempo sollecita interventi risolutivi

I numeri delle persone recluse continuano a salire in maniera preoccupante e in ben quattro istituti (Larino, Brescia, Como e Taranto) hanno un tasso di affollamento del  200% (ovvero ci sono due detenuti dove dovrebbe essercene uno).  Solo nell’ ultimo mese il sovraffollamento segna un +0,4%.
In questa crescita si registra il dato inverso relativamente ai detenuti stranieri che, rispetto al mese di ottobre, calano sia in termini percentuali che assoluti.

Crescono invece le madri detenute con i loro figli con meno di tre anni: erano 49 con 52 bambini ad ottobre, sono ora 52 con i loro 56 figli.

La Regione Puglia registra dati allarmanti. Il tasso di sovraffollamento è del 166,3% con un incremento nell’anno 2019 pari al 3,4%. Il dato più preoccupante come avevano dichiarato nel corso dell’ultima visita dell’Osservatorio di Antigone ( maggio a.c.) è quello dell’Istituto “Carmelo Magli”, di Taranto che si attesta al 200%.

Non va assolutamente meglio negli altri 10 istituti di pena della Puglia. Nelle galere di Foggia, Brindisi e Lecce il tasso di affollamento è ben al di sopra della media regionale con percentuali rispettivamente del 171%, 172% e 174%.

Nonostante l’allarme sulla crescita dei reati commessi da stranieri,  va detto che questi contribuiscono in maniera contenuta all’aumento delle persone ristrette in carcere, rappresentando il 12% nelle carceri regionali.

L’Associazione Antigone Puglia da tempo ha chiesto alle Istituzioni di intervenire per arginare le numerose criticità presenti nelle carceri e offrire reali opportunità di reinserimento sociale sul territorio. I Comuni e le aziende devono fare la loro parte attraverso una rete capace di formare, orientare e reinserire i detenuti.  Un maggiore ricorso alle misure alternative  ed un minore uso dello strumento della custodia cautelare ha il beneficio di abbattere la recidiva e ridurre drasticamente i numeri della popolazione carceraria.

Condividi con:

redazione.lecceoggi@gmail.com

No Comments

Leave A Comment