Lecceoggi.com - Attualità, cronaca e curiosità in tempo reale dalla provincia di Lecce.
HomePolitica“SI IMPIEGHINO I VIGILI URBANI PER PATTUGLIARE LA CITTÀ E NON PER FARE MULTE”

“SI IMPIEGHINO I VIGILI URBANI PER PATTUGLIARE LA CITTÀ E NON PER FARE MULTE”

“SI IMPIEGHINO I VIGILI URBANI PER PATTUGLIARE LA CITTÀ E NON PER FARE MULTE”

Mario Spagnolo lancia un messaggio a Carlo Salvemini

Possibile che le donne e gli uomini della Polizia Locale di Lecce debbano essere impiegati solo e soltanto per multare i cittadini anche quando si recano per una visita medica all’ospedale “Vito Fazzi” e non vengano, invece, adoperati nell’attività di perlustrazione e controllo della città che è diventata sempre più insicura?

Soltanto nella giornata di ieri, abbiamo avuto notizia di due aggressioni effettuate da cittadini extracomunitari che non avendo alcun ruolo e non svolgendo alcun lavoro, pensano di arrabattarsi compiendo violenze su persone che, quotidianamente, si impegnano per tirare a campare.

Lecce è ormai diventata terra di nessuno, cosa che denunciamo da anni ricevendo in cambio solo e soltanto l’accusa di essere razzisti.

Oggi non ha alcun senso l’invettiva nei confronti di un Sindaco che è del tutto evidente che non sappia, o non voglia, risolvere la questione per motivi assolutamente ideologici

Per il bene del capoluogo siamo in tanti a voler tendere una mano, a mettere da parte ogni divergenza e a dare la nostra disponibilità civica per affrontare e risolvere un problema così serio che rischia di sfociare in una questione di ordine pubblico.

Chiediamo a Carlo Salvemini di attivare immediatamente un tavolo di coordinamento, per prendere in carico la situazione. Siamo fortemente convinti che la Polizia Locale abbia personale addestrato per pattugliare al meglio le strade e le piazze della città, mettendo da parte gli ordini di fare cassa con multe esagerate, quando non strampalate.

Siamo convinti che insieme al lavoro di Polizia e Carabinieri si possa dare una prima risposta, quella che i leccesi attendono, ma che non è mai stata presa in considerazione.

Perché aspettare le aggressioni e le violenze per attivarsi? Siamo già in forte ritardo, mettiamo da parte le ideologie e diamoci da fare, sul serio.

Non dubitiamo che il primo cittadino ascolti anche le parole della Lega, senza rifiutarle aprioristicamente, proprio lui che con una copia sbiadita del nostro partito ha governato Lecce per oltre un anno. La collaborazione non ha colore.

Mario Spagnolo

Condividi con:

redazione.lecceoggi@gmail.com

No Comments

Leave A Comment