Lecceoggi.com - Attualità, cronaca e curiosità in tempo reale dalla provincia di Lecce.
HomeCronaca e AttualitàTaurisano: Chiede un pasto caldo o denaro ma è volto noto alla forze dell’ordine e viene arrestato

Taurisano: Chiede un pasto caldo o denaro ma è volto noto alla forze dell’ordine e viene arrestato

Taurisano: Chiede un pasto caldo o denaro ma è volto noto alla forze dell’ordine e viene arrestato

1 (1)

Nel Comune di Taurisano vi sono stati degli accadimenti che hanno turbato la serenità di diversi cittadini. Infatti presso la Centrale Operativa della Compagnia di Casarano sono giunte innumerevoli segnalazioni che contenevano il racconto di un soggetto sospetto a bordo di un Fiat Doblò che chiedeva l’elargizione di un pasto caldo o del denaro presso diverse abitazioni private situate nella periferia del paese. L’immediato intervento delegato “dall’operatore di centrale” alle diverse pattuglie consentiva di rintracciare poco dopo il veicolo sospetto, tuttavia il cui conducente alla vista dei militari si dava alla fuga. Durante l’inseguimento dal numero di targa si accertava che il veicolo risultava essere stato rubato la notte precedente dall’interno di una ditta di Melissano (Le). Dopo diverse manovre pericolose il malfattore tentava di dileguarsi percorrendo delle strada interne rurali ma, dopo una curva, finiva per collidere contro un albero di ulivo.

I Carabinieri con le dovute cautele si avvicinava al soggetto che volontariamente apriva lo sportello quando il militari era ormai vicino a lui. In quel frangente tentava di dimenarsi con alcuni calci ma  il Nicocia Francis Joseph veniva bloccato.

Accompagnato in caserma in caserma, il 61enne francese con altri precedenti di polizia e senza fissa dimora, veniva arrestato per Resistenza, Violenza a Pubblico Ufficiale (artt. 336-337 C.P.) e Ricettazione (art. 648 C.P.). In accordo con l’Autorità Giudiziaria, nella persona del Pubblico Ministero di Turno Dott.ssa Donatina BUFFELLI, il Nicocia veniva tradotto presso la Casa Circondariale di Lecce.

 

Condividi con:

redazione.lecceoggi@gmail.com

No Comments

Leave A Comment