Lecceoggi.com - Attualità, cronaca e curiosità in tempo reale dalla provincia di Lecce.
HomeCronaca e AttualitàTEATRO, DANZA, CIRCO, NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI INNOVATIVI DELLA SCENA CONTEMPORANEA

TEATRO, DANZA, CIRCO, NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI INNOVATIVI DELLA SCENA CONTEMPORANEA

TEATRO, DANZA, CIRCO, NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI INNOVATIVI DELLA SCENA CONTEMPORANEA

DAL 23 APRILE AL 29 MAGGIO A LECCE RIPRENDE, DOPO LA SOSPENSIONE DI GENNAIO, L’OTTAVA EDIZIONE DI “KIDS. FESTIVAL DEL TEATRO E DELLE ARTI PER LE NUOVE GENERAZIONI”.

Dopo la sospensione di gennaio, dal 23 aprile al 29 maggio riprendono le attività dell’ottava edizione di “Kids. Festival del teatro e delle arti per le nuove generazioni” dedicata al tema  “Ricostruire”. Per cinque fine settimana Castello Carlo V, Teatro Paisiello, Convitto Palmeri, Convento degli Agostiniani, Manifatture Knos e Museo Ferroviario ospiteranno compagnie straniere, italiane e pugliesi per un ricco programma di laboratori, workshop e spettacoli per piccolissimi, piccoli e grandi spettatori, tra teatro, danza, circo, nuove tecnologie e linguaggi innovativi della scena contemporanea. Kids è una festa del teatro con una vocazione all’inclusione. Grazie all’Operazione Robin Hood, anche quest’anno, il Festival proporrà una raccolta di “biglietti sospesi” per accogliere tutte le famiglie più bisognose e favorire le associazioni che lavorano con persone in situazione di disagio.

Si riparte sabato 23 (ore 17 e  19) e domenica 24 aprile (ore 11 e 17) al Castello Carlo V con la compagnia spagnola Animal Religion con “…E le idee volano” (età 2-5 anni). Uno spettacolo dove circo, gioco, interazione con il pubblico, luce e musica si intrecciano per rendere ogni performance un’esperienza unica e diversa. Animal religion è una compagnia interessata alla ricerca del circo contemporaneo e all’interdisciplinarietà, fondata da Quim Giron nel 2012. In questi dieci anni ha prodotto 8 spettacoli, ha lavorato con oltre 30 artisti provenienti da Europa e America, ha ricevuto commissioni dal Teatro Nazionale della Catalogna, Fira Tàrrega, Mercat de les Flors, TNT e Auditori de Barcelona, e ha conquistato diversi riconoscimenti, tra cui il Premio Speciale Città di Barcellona 2015 per il miglior spettacolo circense Sifonòfor.

 

Domenica 24 (ore 20:30) e lunedì 25 aprile (ore 18) al Teatro Paisiello, per la prima volta a Lecce, in scena “Peter Pan”, una coproduzione Factory Compagnia Transadriatica e Fondazione Sipario Toscana (dai 5 anni), scritto e diretto da Tonio De Nitto (con la collaborazione alla drammaturgia di Riccardo Spagnulo), con Benedetta Pati, Francesca De Pasquale, Luca Pastore e Fabio Tinella, le coreografie di Barbara Toma, le musiche di Paolo Coletta, le scene di Iole Cilento e Porziana Catalano, il videomapping di Emanuela Candido, Andrea Carpentieri, Andrea Di Tondo – Insynchlab. Peter Pan è la storia di un’assenza, di un vuoto che spesso rimane incolmabile, quello di un bambino che non c’è più. È l’inseguimento di un tempo che sfugge al nostro richiamo e che a volte si ferma, la ricerca delle esperienze che ci fanno diventare grandi senza volerlo e troppo presto. Con lo stesso ensemble del fortunato e pluripremiato “Diario di un brutto anatroccolo”, Factory si cimenta in questa nuova creazione attraversando temi fondamentali per la crescita, dove sogno, vita e morte corrono sullo stesso filo e possono essere entrambe una grande avventura, a dirla come Peter.

 

Sabato 30 aprile (ore 20:30) al Teatro Paisiello in scena Sapiens (dai 6 anni) di Valentina Diana con Dario Cadei, Silvia lodi, otto Marco Mercante, Cristina Mileti, Francesca Randazzo e Giuseppe Semeraro che firma anche la regia. Lo spettacolo di Principio Attivo Teatro si muove dentro una costruzione drammaturgica affine, per i suoi conflitti drammatici, all’archetipo dell’amore contrastato reso celebre nel Romeo e Giulietta. Una vera e propria storia d’amore, la più antica, raccontata con il linguaggio del teatro fisico, della danza, delle ombre e della pittura dal vivo. Una storia antichissima capace di farci riflettere sul nostro tempo e forse sul nostro fragile futuro.

 

Sabato 7 e 14 maggio (doppia replica ore 10.45 e 11.45) nel Museo Ferroviario di Puglia torna “In viaggio con le storie”, uno degli appuntamenti più appassionanti del festival, una finestra sulla narrazione per farsi trasportare con la fantasia. Sui vagoni storici si alterneranno infatti “Narciso il primo amore” di e con Ilaria Carlucci, “La principessa in cima alla torre” con Daria Paoletta, “Il drago al centro della terra” (liberamente tratto da “Il drago Aidar” di Marjane Satrapi) con Alessandro Lucci, “Il viaggio di Maria, drama di compagnia” con Chiara Saurio e Alice Toscano.

 

Il terzo week end, oltre a “In viaggio con le storie”, ospiterà anche “Hana e Momo” (dai 3 anni) di Principio Attivo Teatro con Cristina Mileti e Francesca Randazzo in scena sabato 7 maggio (doppia replica ore 17 e 19) nel Convento degli Agostiniani. Lo spettacolo è liberamente ispirato al racconto “Favola d’amore ” di Hermann Hesse, che ci illustra l’importanza del concetto di unione. Anche il titolo prende spunto da questa idea: Hanà e Momò dal giapponese si traduce “Fiore e Pesca”. Come il fiore che diviene frutto e questo a sua volta contiene i semi indispensabili alla nascita di nuovi germogli, così lo spettacolo ci mostra il percorso di due protagoniste che scopriranno l’importanza della loro reciprocità. Sabato 7 (ore 18) e domenica 8 maggio (ore 11 e 17) la Compagnia La luna nel letto propone “Jack e il fagiolo magico (una storia tra terra e cielo)” (2/8 anni) con Maria Pascale per la regia di Michelangelo Campanale. Ispirato ad una fiaba della tradizione orale inglese – la prima pubblicazione apparve nel libro The History of Jack and the Bean-Stalk, stampato da Benjamin Tabard nel 1807 – lo spettacolo racconta la storia di un bambino che pur essendo piccolo riesce a trovare il lieto fine alle sue disavventure, guidato dal suo istinto, dalla sua fiducia nella vita e dalla sua intelligenza.

 

Sabato 14 maggio alle 17 il Convitto Palmieri accoglierà la presentazione del volume “Manù e Miché. Il segreto del principe” di Francesco Niccolini (Mondadori). Hanno la stessa età, Manù e Michè. Ma l’uno è il figlio del principe, l’altro il suo servo. Per loro non c’è gioco più bello che perdersi tra le vie della Grande Città: vanno in piazza, dove incontrano acrobati e accattoni, si calano nelle fogne e giocano a sfidarsi con i bambini che ci abitano. Ma una notte, il tempo dei giochi finisce. Un’oscura morte arriva a spezzare in due le loro vite. Il week end proseguirà con lo spettacolo “Esterina centovestiti” della Compagnia Burambò (dai 6 anni) di e con Daria Paoletta in scena sabato 14 maggio alle 20:30 sul palco del Teatro Paisiello. In V elementare Lucia è alle prese con l’arrivo in classe di una nuova compagna cui per condizione economica ed estrazione sociale, sembra negata la possibilità di scegliere la propria vita e che viene per questo emarginata e schernita. Una narrazione che appassiona bambini e adulti che si riconoscono nella protagonista della storia perché tutti in classe, almeno una volta, l’abbiamo incontrata Esterina. Domenica 15 maggio alle 19 alle Manifatture Knos appuntamento con Bob (da 8 anni) di Matteo Marchesi – Zebra produzioni, una performance che usa il corpo come veicolo e innesco di alcune domande e scenari che congiungono gli immaginari sul non-reale, dai bestiari alle fantasie d’infanzia, e la nostra presenza nella realtà. Cosa si nasconde nei luoghi bui? Cosa ha a che fare con noi?

 

Venerdì 27 (ore 17 e 19), sabato 28 e domenica 29 maggio (ore 18:30 e 20:30) nel Convento degli Agostiniani, Factory Compagnia Transadriatica – Fondazione Sipario toscana con “Hamelin”, ispirato alla fiaba il pifferaio magico dei Fratelli Grimm con Fabio Tinella, drammaturgia e regia di Tonio De Nitto. Hamelin è il nome di una cittadina al nord della Germania dove leggenda e realtà si son fuse centinaia di anni fa. Ad Hamelin vige ancora il divieto assoluto di suonare musica nella via Senzatamburi, dove anche i cortei in festa che vi arrivano cessano immediatamente ogni suono. Ma cosa è successo ai bambini di Hamelin? Dove finisce la realtà e dove inizia la finzione?

 

In programma anche “Corpoliberatutti”, laboratorio di ricerca per teenager condotto da Matteo Marchese in collaborazione con il network Anticorpi xl e il supporto dell’azione CollaborAction K (13, 14 e 15 maggio alle Manifatture Knos), il laboratorio Piccoli critici a cura di Silvia Lodi (25 e 30 aprile al Teatro Paisiello e 7 maggio nel Convitto Palmieri)

 

Kids. Festival del teatro e delle arti per le nuove generazioni è ideato e organizzato da Factory Compagnia Transadriatica e Principio attivo teatro con il sostegno di Ministero della Cultura, Regione Puglia, Comune di Lecce, Teatro Pubblico Pugliese, Polo BiblioMuseale di Lecce, Chain Reaction, Storie cucite a mano, progetto selezionato da Con i Bambini nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile, in collaborazione con BlaBlaBla, Assitej Italia, Network Anticorpi XL, Manifatture Knos, Museo Ferroviario di Puglia, Cirknos, Cpk – bicycle centre.

 

Condividi con:

redazione.lecceoggi@gmail.com

No Comments

Leave A Comment