Lecceoggi.com - Attualità, cronaca e curiosità in tempo reale dalla provincia di Lecce.
HomeTRAUMI DELLO SPORTIVOTRAUMI DELLO SPORTIVO – Lo Stiramento

TRAUMI DELLO SPORTIVO – Lo Stiramento

TRAUMI DELLO SPORTIVO – Lo Stiramento

Lo stiramento o elongazione muscolare è una lesione di media entità che altera il normale tono muscolare.

In una classificazione di gravità potremmo collocarla tra una contrattura che abbiamo esaminato nell’articolo precedente e uno strappo muscolare che parleremo nel prossimo articolo.

Comporta l’eccessivo allungamento di uno o più muscoli provocando a volte la comparsa di ematoma per la rottura dei vasi capillari.

A seconda delle fibre muscolari coinvolte nell’allungamento si può parlare in base alla gravità di stiramento di grado 1, 2, o 3.

Si verifica quando il nostro sistema fisiologico che controlla e salvaguardia il bilanciamento tra la contrazione e il rilassamento della muscolatura non è sufficientemente pronto a determinate sollecitazioni.

È molto più frequente negli sportivi e le cause possono essere varie, come un riscaldamento inadeguato, una preparazione fisica non idonea, un movimento brusco o violento, squilibri posturali e muscolari, microtraumi ripetuti o non rispettare i giusti tempi di recupero dopo uno sforzo fisico o un infortunio precedente.

Il dolore muscolare si manifesta in maniera acuta e circoscritto alla zona interessata dalla lesione.

Può anche non impedire di continuare l’attività fisica anche se è consigliabile sospenderla per evitare complicazioni.

Oltre al dolore può esserci la comparsa di edema e gonfiore, infiammazione, ematoma, limitazione dei movimenti, riduzione della forza, rigidità muscolare e tensione.

Lo stiramento ha una sintomatologia abbastanza riconoscibile ma aspecifica in quanto può essere riconducibile ad altre situazioni cliniche come la contrattura o un lieve strappo.

Per questo è opportuno spesso rivolgersi al medico e fisioterapista per una diagnosi più certa che si effettua mediante la palpazione, verificando la zona colpita, passando ad un’ecografia in caso di dubbio e per avere un quadro più dettagliato.

Dopo uno stiramento, un adeguato riposo dall’attività fisica di 2/3 settimane in media è il trattamento migliore. Oltre a queste misure di intervento i rimedi potrebbero essere diversi, sia farmacologici sia non, a seconda dell’entità e dalla necessità del singolo.

Subito dopo la lesione è consigliabile applicare ghiaccio (crioterapia) per provocare vasocostrizione e bloccare la formazione di edema, può essere utile elevare la zona interessata se possibile per aiutare il ritorno venoso e a volte un bendaggio funzionale per prevenire il gonfiore.

In seguito ad una visita da uno specialista, potrebbe essere consigliato sia sedute di fisioterapia con massaggi e manipolazioni mirate o terapia fisica come Tecar, tens, laser, ultrasuoni ma anche terapia farmacologica come fans o miorilassanti.

La giusta attenzione al trauma è sempre la cosa migliore da fare per poter fare sport in maniera sana e soddisfacente.

Buon allenamento a tutti.

 

Antonio Laurentaci

Condividi con:

redazione.lecceoggi@gmail.com

No Comments

Leave A Comment