HomePoliticaTUTELA PUGLIESE DELLA MEMORIA, DEI MASSACRI DELLE FOIBE E DELL’ESODO ISTRIANO, GIULIANO, FIUMANO E DALMATA

TUTELA PUGLIESE DELLA MEMORIA, DEI MASSACRI DELLE FOIBE E DELL’ESODO ISTRIANO, GIULIANO, FIUMANO E DALMATA

TUTELA PUGLIESE DELLA MEMORIA, DEI MASSACRI DELLE FOIBE E DELL’ESODO ISTRIANO, GIULIANO, FIUMANO E DALMATA

La Lega Puglia presenza una mozione

I consiglieri regionali della Lega Puglia (Davide Bellomo, Giacomo Conserva, Gianfranco De Blasi, Joseph Splendido) presentano una mozione che impegna la Giunta Regionale e  il consiglio regionale a non concedere patrocini, finanziamenti, spazi e agibilità (di qualsiasi genere) a tutte le sigle/associazioni locali o nazionali che negano, giustificano, riducono o deridono il dramma delle foibe e dell’esodo giuliano-dalmata-istriano, a promuovere attività dirette a diffondere la memoria delle vittime e a commemorarle ogni 10 febbraio, nel “Giorno del Ricordo”, con una manifestazione ufficiale nell’aula consiliare.

“Fatti, coerenza, messaggi chiari e inequivocabili. Riteniamo – afferma Davide Bellomo, Capogruppo Lega Puglia – sia fondamentale schierarci contro ogni forma di violenza e totalitarismo. Ma non basta dirlo, occorre dimostrarlo con azioni concrete. La mozione che, come Lega, abbiamo presentato ha l’obiettivo di conservare e rinnovare la memoria della tragedia degli Italiani e di tutte le vittime delle foibe, dell’esodo dalle loro terre degli Istriani, Fiumani e Dalmati nel secondo dopoguerra e della più complessa vicenda del confine orientale. Il Governo della regione Puglia ha l’obbligo morale di impegnarsi in tal senso e di provvedere, in ogni celebrazione ufficiale del Giorno del Ricordo, a dare spazio alle associazioni che contrastano il fenomeno di chi nega, giustifica, riduce o deride il dramma delle foibe e dell’esodo. Ai nostri giovani dobbiamo far conoscere la nostra storia e abbiamo il compito di promuovere la conoscenza dei tragici eventi presso i giovani delle scuole di ogni ordine e grado. La Regione Puglia dia il buon esempio, condannando pubblicamente questi atti vergognosi per il nostro territorio”.

 

Condividi con:

redazione.lecceoggi@gmail.com

No Comments

Leave A Comment