Lecceoggi.com - Attualità, cronaca e curiosità in tempo reale dalla provincia di Lecce.
HomeCulturaUN PONTE TRA UNIVERSITÀ E MONDO DEL LAVORO PER L’INCLUSIONE E LA VITA INDIPENDENTE

UN PONTE TRA UNIVERSITÀ E MONDO DEL LAVORO PER L’INCLUSIONE E LA VITA INDIPENDENTE

UN PONTE TRA UNIVERSITÀ E MONDO DEL LAVORO PER L’INCLUSIONE E LA VITA INDIPENDENTE

CONVEGNO LUNEDÌ 25 OTTOBRE 2021

La concessione della medaglia del Presidente della Repubblica è il riconoscimento dell’alto valore scientifico e sociale del convegno “Un ponte tra università e mondo del lavoro per l’inclusione e la vita indipendente”, organizzato dalla CNUDD – Conferenza Nazionale Universitaria dei Delegati all’Inclusione degli Studenti con Disabilità e con Disturbi Specifici dell’Apprendimento. Il programma si articola in cinque relazioni introduttive, una tavola rotonda con esponenti del mondo del lavoro e delle istituzioni, 73 interventi tra ricerche e testimonianze in 12 sessioni parallele.  L’evento si terrà online il 25 ottobre 2021 dalle ore 9 alle ore 18.

La partecipazione è gratuita, con iscrizione al sito convegnocnudd2021@unifg.it (è prevista la sottotitolazione e la lingua dei segni). Il Convegno è promosso da Università degli Studi di Bari Aldo Moro, Politecnico di Bari, Università del Salento, Università di Foggia e Università LUM Giuseppe Degennaro.

Dopo i saluti dei Rettori delle cinque università pugliesi, i lavori saranno introdotti dalla Presidente CNUDD Marisa Pavone, dalla Ministra dell’Università e della Ricerca Scientifica Maria Cristina Messa e dal Presidente ANVUR Antonio Uricchio. Concluderà i lavori la Ministra per le Disabilità Erika Stefani.

«I ponti servono per unire e per consentire lo scambio fra persone, idee, culture e non solo per permettere lo scambio di merci», afferma Marisa Pavone, «Ne vogliamo progettare uno speciale per laureate/laureati con disabilità e con disturbi specifici di apprendimento, che spesso sono penalizzati nell’accesso al mondo del lavoro. Intendiamo anche sottolineare che un importante impegno delle università, in termini di ricerca e di terza missione, consiste nel diffondere e rafforzare la cultura dell’inclusione a tutti i livelli».

Le sessioni parallele riguardano temi di grande interesse: Ambiente di lavoro e tecnologie per facilitare l’incursione, Benessere organizzativo, Formazione alla cultura dell’inclusione, Dalla diversità all’inclusione, Competenze hard e soft per l’inserimento lavorativo, Inclusione come responsabilità sociale, Orientamento come contrasto alle disuguaglianze e promozione della giustizia sociale, Politica ed esperienza di inclusione, Accompagnamento sui luoghi di lavoro, Creatività per l’inclusione, Cultura e reti per l’inclusione, Buone pratiche di inclusione.

Condividi con:

redazione.lecceoggi@gmail.com

No Comments

Leave A Comment