Lecceoggi.com - Attualità, cronaca e curiosità in tempo reale dalla provincia di Lecce.
HomePoliticaVERSO LE AMMINIOSTRATIVE DI LECCE – Carlo Salvemini e il Piano Comunale delle Coste

VERSO LE AMMINIOSTRATIVE DI LECCE – Carlo Salvemini e il Piano Comunale delle Coste

VERSO LE AMMINIOSTRATIVE DI LECCE – Carlo Salvemini e il Piano Comunale delle Coste

13

Da parte sua, Carlo Salvemini rivendica il lavoro fatto per la stesura del Piano Comunale delle Coste che potrebbe vedere la luce entro 18 mesi. Dice il sindaco dimissionario: “Il 15 febbraio è stata pubblicata la proposta di Piano Comunale delle Coste messa a punto dalla nostra amministrazione- scrive- dopo il passaggio della Valutazione Ambientale Strategica si procederà all’adozione del Piano e alla importante fase delle presentazioni delle osservazioni da parte delle cittadinanza; al termine di questo fase sarà dunque possibile procedere all’approvazione definitiva che potrebbe così avvenire entro l’anno, con l’insediamento del nuovo Consiglio Comunale.

in diciotto mesi – grazie al lavoro appassionato di Rita Miglietta e del settore urbanistica – Lecce sarà dotata di un strumento di governance strategica della costa atteso dal 2011, anno di approvazione del Piano Regionale.

Per noi lavorare al PCC non è stato procedere a un mero adempimento normativo: la tutela della costa, lo sviluppo delle potenzialità ambientali, turistiche, l’accessibilità e fruibilità della marine rappresentano un obiettivo strategico di primaria importanza, meritevole di studio, approfondimento, pianificazione. Perché crediamo che “Lecce è il suo mare”.

Abbiamo scelto di valorizzare la costa leccese guardando al mare, alla storia, alla natura e allo sport: per incoraggiare la fruizione delle spiagge da parte dei bagnanti; per evidenziare le potenzialità culturali che le nostre marine esprimono (Torri costiere, molo di Adriano, paesaggi della Bonifica); per valorizzazione la ricchezza unica delle aree naturalistiche (Acquatina, Rauccio, Torre Veneri); per incentivare le attività sportive (acquatiche e non) che garantiscono fruizione sostenibile delle aree naturali e aprono una nuova strada per il turismo.

Disporre di un Piano delle Coste è il primo passo verso la tanto invocata “valorizzazione delle marine”, che è un percorso molto più complesso, lungo e appassionante di quanto talvolta si ascolta. Abbiamo finalmente mosso i primi passi lungo questa strada e riteniamo che in campagna elettorale si debba assumere la responsabilità politica di precisare quale idea d’uso della costa si propone alla collettività: perché è doveroso mettere i cittadini nelle condizioni di scegliere partendo da indicazioni chiare”.

 

Condividi con:

redazione.lecceoggi@gmail.com

No Comments

Leave A Comment