Lecceoggi.com - Attualità, cronaca e curiosità in tempo reale dalla provincia di Lecce.
HomePoliticaVERSO LE AMMINISTRATIVE 2017 A LECCE

VERSO LE AMMINISTRATIVE 2017 A LECCE

VERSO LE AMMINISTRATIVE 2017 A LECCE

Giliberti propone all’U.S. Lecce un rapporto virtuoso tra pubblico e privato

Giliberti stadio di Lecce     ESTERNO STADIO LECCE

Nell’ottica complessiva di riqualificazione urbana, della rigenerazione di impianti sportivi da destinare all’attività giovanile, nonché del completamento ed adeguamento di impianti sportivi esistenti,  del miglioramento delle zone maggiormente popolate della città e della volontà di creare un sistema virtuoso di marketing territoriale, è mia intenzione proporre all’Unione Sportiva Lecce:

una riduzione del costo che l’Unione Sportiva attualmente corrisponde all’Amministrazione Comunale fissato in circa € 345.000,00, prevedendo l’impegno dell’U.S. di provvedere direttamente e/o indirettamente (e comunque privatamente) alla totale sistemazione e riqualificazione di tutta l’area intorno allo stadio di via del Mare.

In altri termini il piazzale Attilio Adamo, che circonda lo stadio, dovrà rappresentare il biglietto da visita del calcio in città. Un piazzale che manifesti la nostra attenzione non solo nei confronti della città ma, più in generale, verso gli stessi valori che lo sport esprime.

La zona parcheggi, ed in particolare il piazzale Attilio Adamo, potrà essere gestita dalla Unione Sportiva che dovrà vincolarsi a ricordare i protagonisti del calcio leccese.

La stipula di una concessione ventennale in favore dell’U.S. Lecce per tutta l’area sportiva cosiddetta “Antistadio”, con un impegno dell’Unione Sportiva a riqualificarla e gestirla. Questo favorirebbe la funzionalità dell’area non solo per gli allenamenti della prima squadra, che ritornerebbero in città, ma anche e soprattutto per il settore giovanile. Immagino quella zona come il cuore pulsante delle giovani promesse del calcio leccese, nonché la struttura da destinarsi al torneo dei quartieri che si terrà ogni anno.

L’ideazione di un concorso di idee (magari anche a tiratura internazionale), per la copertura integrale dello stadio, favorendo gli investimenti di imprese private (sponsor) che intendano accostare il proprio nome allo stadio di via del Mare.

È inoltre prevista una clausola che consenta la possibilità di modulazione dell’accordo in considerazione della categoria di militanza della squadra.

È giusto ricordare che allo stato attuale lo stadio Via del Mare”, che ormai ben 32 anni, mostra da tempo i segni dell’usura e abbisogna di notevoli restauri che per il Comune è impossibile o quasi progettare di fare. Sgravare il peso economico che la Società sopporta, in particolare, sino a quando la squadra milita in Lega Pro, che come noto non rende nulla, potrebbe davvero determinare l’impegno dei responsabili dirigenti giallorossi a migliorare lo stato dell’arte dello stadio e di tutta la struttura di pertinenza, interna ed esterna.

 

 

Condividi con:

redazione.lecceoggi@gmail.com

No Comments

Leave A Comment