Lecceoggi.com - Attualità, cronaca e curiosità in tempo reale dalla provincia di Lecce.
HomeSportVERSO LECCE vs SAMPDORIA – La Parola ai Tecnici

VERSO LECCE vs SAMPDORIA – La Parola ai Tecnici

VERSO LECCE vs SAMPDORIA – La Parola ai Tecnici

Fabio Liverani: “Partita determinante ma non definitiva”

Il tecnico lecce prima del confronto di oggi ha fatto un attento esame della situazione all’interno del gruppo. Nelle sue parole si avverte la consapevolezza dell’importanza del match e grande sincerità nell’analizzare le scelte di formazione.

“Cosa porto con me della partita in casa della Juve? La consapevolezza che la squadra sta trovando ritmo, intensità e un certo tipo di gioco. E’ evidente che non siamo quelli del pre lockdown ma ci stiamo avvicinando a quella condizione che vorremmo, per gioco e mentalità. Anche individualmente”.

Dal Milan alla Juventus siamo già cresciuti. Ci sono difficoltà per tutti, chi le paga all’inizio chi più chi meno. La squadra cresce e siamo fiduciosi per il prosieguo.

Per la formazione Liverani parte dal possibile recupero di Farias.

“Lo troviamo ed è una bella cosa. Diego è una risorsa importante, deve essere bravo a gestirsi e sarà importante”.

Ma ci sono altre defezioni importanti, specie in difesa:

“Perdiamo purtroppo Lucioni e Rossettini, manca Dell’Orco. Scelte obbligate? Sì, ma abbiamo i giocatori che possono fare questa partita e che sanno il loro valore. Sono tranquillo. Non ho tante possibilità di modulo, vediamo le condizioni giorno per giorno. Quando si gioca ogni tre giorni non si ha già in questo momento un quadro completo. Vedremo a ridosso della gara come stanno i ragazzi”.

Possibili soluzioni:

“Ad oggi le soluzioni sono quelle, difesa a quattro o difesa a tre. Donati può fare il quarto a destra o il terzo centrale”.

Ed i due esordienti dal primo minuto a Torino, Paz e Vera?

“Si sono fatti trovare pronti. Paz era più a suo agio, Brayan è partito bene poi ha avuto gap fisico e ci sta. Mi sono piaciuti tutti e due”.

Per fortuna si è risolta bene la grana BARAK.

“C’è attaccamento da parte dei ragazzi. Lui era dentro il progetto già dal primo giorno. Non ha mai pensato di lasciare la squadra il 30 giugno. Non avevamo grandi problemi in campo e nello spogliatoio. Rimaniamo fuori dalla burocrazia. Se ne occupano d.s. e società”.

Il valore della gara.

“E’ determinante ma non definitiva. Sarà una gara importante, giocata con attenzione e concentrazione. Non mi aspetto una gara bella, sarà combattuta e vincerà chi sbaglierà meno”.

 

Condividi con:

redazione.lecceoggi@gmail.com

No Comments

Leave A Comment