Lecceoggi.com - Attualità, cronaca e curiosità in tempo reale dalla provincia di Lecce.
HomeCronaca e AttualitàEx capitano dei vigili di Nardò “assenteista” con la complicità di una assistente. Arrivano due condanne

Ex capitano dei vigili di Nardò “assenteista” con la complicità di una assistente. Arrivano due condanne

Ex capitano dei vigili di Nardò “assenteista” con la complicità di una assistente. Arrivano due condanne

Il collegio della seconda sezione collegiale (Presidente Stefano Sernia, a latere Edoardo D’Ambrosio e Annalisa De Benedictis) ha condannato a 1 anno per truffa aggravata ai danni dello Stato: Nicola Dell’Angelo Custode, 68 anni di Nardò e ad 1 anno e 6 mesi, Maria Antonietta Carriero, 54enne, di Arnesano, per lo stesso reato ma anche per peculato. Per entrambi è stata disposta la sospensione della pena, ma anche l’interdizione dai pubblici uffici per 5 anni. Inoltre, il collegio ha disposto l’assoluzione per il reato di falso ideologico e per una ipotesi di truffa.

Il pm Paola Guglielmi, al termine della requisitoria ha invocato l’assoluzione per entrambi.

Dell’Angelo Custode è difeso dagli avvocati Luigi Corvaglia e Tommaso Valente; la Carriero dal legale Stefano De Francesco. Il collegio difensivo, una volta depositate le motivazioni della sentenza presenterà ricorso in Appello.

L’inchiesta coordinata dal pubblico Ministero Emilio Arnesano, prese il via da un esposto anonimo recapitato al Comando dell’Arma dei Carabinieri di Nardò, a seguito del quale i militari hanno effettuato dei servizi di osservazione, controllo e pedinamento, anche mediante l’ausilio di sistemi di videosorveglianza. Finché dalle immagini immortalate e registrate dalle telecamere non si sarebbe accertata, la fittizia presenza in servizio della Carriero, con il concorso di Dell’Angelo Custode. Quest’ultimo, mediante l’indebito utilizzo del badge elettronico della donna – nelle occasioni in cui prendeva e finiva il servizio – avrebbe attestato falsamente la presenza dell’assistente, anche dichiarando il falso, come sarebbe emerso dalla documentazione cartacea acquisita.

L’obiettivo di tali condotte? L’indebita corresponsione delle spettanze salariali previste.

Diciassette gli episodi “incriminati”, tra ottobre e dicembre del 2015. La Procura contestava poi alla Carriero di avere falsamente attestato il completamento dell’orario di lavoro nei primi giorni di febbraio scorso. La stessa assistente era anche accusata di avere utilizzato l’autovettura di servizio per scopi privati, in tre occasioni, tra maggio e giugno sempre del 2016.

 

Condividi con:

redazione.lecceoggi@gmail.com

No Comments

Leave A Comment