Lecceoggi.com - Attualità, cronaca e curiosità in tempo reale dalla provincia di Lecce.
HomeCronaca e AttualitàNATALE, LE BANDIERE DEL MONDO SULL’ALBERO DELLA PACE

NATALE, LE BANDIERE DEL MONDO SULL’ALBERO DELLA PACE

NATALE, LE BANDIERE DEL MONDO SULL’ALBERO DELLA PACE

albero della pace

A partire dalle ore 10 di martedì 13 dicembre, tutti i bambini potranno lasciare un messaggio di pace sull’albero allestito in villa comunale

Un albero della pace nella Villa Comunale. Per il secondo anno consecutivo la consigliera comunale Giordana Guerrieri – delegata dal sindaco Perrone a seguire tutte le attività relative all’organizzazione di convegni, studi, incontri sulle tematiche relative alle materie delle politiche sociali, pubblica istruzione, politiche della famiglia e politiche di genere – lancia questa singolare iniziativa.

Non si tratta, infatti, di un albero di Natale come gli altri: palle, stelle e tradizionali addobbi sono rimpiazzati dalle bandiere di tutti gli stati del mondo per simboleggiare la pace in un momento così difficile per tanti popoli.

A partire dalle ore 10 di martedì 13 dicembre, tutti i bambini potranno lasciare sull’albero un messaggio di pace.

All’iniziativa – realizzata in collaborazione dell’Assessorato alla Pubblica Istruzione – prenderanno parte anche il sindaco di Lecce, Paolo Perrone, l’assessore alla Pubblica Istruzione, Nunzia Brandi e l’assessore alle Politiche Ambientali, Andrea Guido.

“E’ necessario recuperare il significato più autentico e profondo del Natale – ha spiegato la consigliera comunale Giordana Guerrieri –  Certamente i segni esterni sono belli e importanti, purché non ci distolgano, ma piuttosto ci aiutino a vivere il Natale nel suo senso più vero, quello sacro e cristiano, in modo che anche la nostra gioia non sia superficiale, ma profonda. Ho pensato alla Villa Comunale perché è il luogo prediletto della città per i bambini e le loro famiglie. La mia idea è quella di creare un’icona di pace e solidarietà in un Natale che – a seguito di quanto accaduto nell’ultimo anno e da un po’ di tempo ormai in Europa e nel mondo (penso ad Instanbul, Parigi, Bruxelles…) – rischia di non essere vissuto con la stessa gioia e serenità degli altri anni” .

Condividi con:

redazione.lecceoggi@gmail.com

No Comments

Leave A Comment