Lecceoggi.com - Attualità, cronaca e curiosità in tempo reale dalla provincia di Lecce.
HomeAlmanaccoALMANACCO DEL GIORNO

ALMANACCO DEL GIORNO

ALMANACCO DEL GIORNO

Almanacco di Venerdì 17 giugno 2016

Ventiquattresima settimana

* Giorni dall’inizio dell’anno: 169 * Giorni rimanenti alla fine dell’anno 197

A Roma il sole sorge alle 04:35 e tramonta alle 19:47 (ora solare)

A Lecce il sole sorge alle 04:55 e tramonta alle 19:22  (ora solare)

 

OGGI SI FESTEGGIA

San Gregorio – Sant’Adolfo

 

ACCADDE OGGI

1983 – Caso Tortora: Alle 4 del mattino di un venerdì di giugno, i Carabinieri bussano alla porta del noto presentatore televisivo Enzo Tortora, presso l’Hotel Plaza di Roma. Per lui scattano le manette con l’accusa di associazione per delinquere finalizzata al traffico di droga.

Per Tortora, all’apice della carriera grazie al successo della trasmissione Portobello, inizia una lunga odissea giudiziaria destinata a concludersi quattro anni più tardi con la piena assoluzione. Si scopre che il castello delle accuse reggeva su un cognome, Tortona, trovato nell’agendina rossa di un camorrista e confuso con quello del presentatore.

La vicenda Tortora resta, nell’immaginario collettivo, il più eclatante caso di mala giustizia nei confronti di un cittadino.

 

AVVENIMENTO SPORTIVO

TARGA RICORDO ITALIA-GERMANIA

1970 – Si gioca Italia – Germania Ovest: Quella che, dopo, è stata nominata “la partita del secolo” (il Novecento). Terminata col risultato di Italia batte Germania Ovest 4-3, gara valida come semifinale dei Mondiali di calcio di Messico ’70, giocata nello stadio Azteca di Città del Messico, è stata una partita entusiasmante dall’inizio alla fine con ottime trame di gioco e un risultato mai al sicuro, sino al triplice fischio finale. L’Italia scende in campo con: Albertosi, Burgnich, Facchetti, Bertini, Rosato, Cera, Domenghini, Mazzola, Boninsegna, De Sisti, Riva.

Ferruccio Valcareggi, CT azzurro, sceglie ancora una volta la staffetta tra Mazzola e Rivera (Pallone d’oro 1969), con il primo nella formazione iniziale. Dopo appena otto minuti, Boninsegna porta in vantaggio gli azzurri, che  per i successivi ottanta minuti preferiscono controllare il gioco puntando sui più classico sistema di gioco all’italiana: contropiedi e coperture asfissianti sull’uomo, oltre agli interventi decisivi del portiere Albertosi.

Si arriva alla fine dei novanta minuti regolamentari, ma arbitro messicano Arturo Yamasaki Maldonado non fischia la fine, dando la possibilità ben due minuti dopo al “milanista” Karl-Heinz Schnellinger di portare le squadre in perfetta parità. Un’annotazione è doverosa: all’epoca i “minuti di recupero” non esistevano ed era una decisione del direttore di gara far giocare oltre il limite regolamentare, salvo che per battere un eventuale calcio di rigore.

Iniziano i tempi supplementari, con la Germania che passa subito in vantaggio con Muller, al quale però risponde il difensore italiano Burgnich. Con un contropiede vincente di Riva, l’Italia passa in vantaggio allo scadere del primo tempo supplementare.

La tensione è forte anche in Europa, dove i tifosi rimangono incollati ai televisori, nonostante ormai sia notte inoltrata. L’altalena nel risultato continua nel secondo tempo: al quinto minuto i tedeschi pareggiano con Muller; dopo un minuto, con un’azione di squadra, Rivera (subentrato a Mazzola nel secondo tempo regolamentare) fissa il risultato memorabile sul 4 a 3. Una rete che gli innamorati del bel calcio ricordano ancora come se Rivera la realizzasse ogni volta che chiudono gli occhi e ricordano quel momento. L’Italia, dopo trentadue anni, è in finale di Coppa Rimet e la notte è tutta azzurra, con la gioia degli sportivi scesi in strada e nelle piazze a festeggiare.

 

NACQUERO OGGI

1945 – Eddy Merckx  – corridore ciclista

1949 – Paolo Liguori – giornalista

1952 – Sergio Marchionne – dirigente d’azienda

1980 – Elisa Rigaudo – atleta specialista nella marcia

 

FRASE CELEBRE

L’applicazione più rigorosa della legge si risolve nella più grave delle ingiustizie (Terenzio)

 

IL PROVERBIO

Giugno freddolino, povero contadino.

 

IL SEGNO ZODIACALE

Gemelli (21 maggio – 21 giugno)

Lavoro

l segreto per rendere al massimo nelle attività quotidiane sarà fare ciò che più vi piace. Se ritenete che sia necessario un cambiamento radicale, cominciate a pianificarne i modi: potreste realizzarlo a breve. Agirete in scioltezza, raggiungendo rapidamente i traguardi che vi siete prefissi.

Rapporti con gli altri

La settimana procede all’insegna di una discreta serenità nei rapporti di coppia e di buone opportunità nella caccia all’anima gemella se siete single e desiderosi di essere in due nell’affrontare il futuro.

Non mostratevi troppo distratti rispetto alle esigenze delle persone che vi stanno a cuore. Certe divergenze d’opinione in famiglia possono essere superate puntando sulle cose concrete e sugli obiettivi da realizzare insieme. Non rimandate un chiarimento risolutivo

Salute

Le stelle propizie non solo vi fanno stare bene, ma vi regaleranno una tale dose di vitalità che sarete dinamici e attivi come non mai. Approfittatene per rimettervi in forma smagliante.

 

I DOODLE DI GOOGLE

Il compositore Igor Stravinsky: Tra San Pietroburgo, Parigi e Stati Uniti, l’attività compositiva di Igor Stravinsky si sviluppò attraverso più generi e abbracciò stili differenti, intercettando le istanze artistiche di ogni epoca dal fauvismo al cubismo. Diviso tra neoclassicismo e serialismo, la sua fama si legò soprattutto alle musiche per balletto, composte durante il periodo russo e ancora oggi tra i principali titoli del repertorio classico della danza.  I due più noti, L’uccello di fuoco (1910) e La sagra della primavera (1913), sono protagonisti del doodle globale pubblicato da Google nel 2009, nel 127° della nascita del compositore.

Condividi con:

redazione.lecceoggi@gmail.com

No Comments

Leave A Comment