Lecceoggi.com - Attualità, cronaca e curiosità in tempo reale dalla provincia di Lecce.
HomeAlmanaccoALMANACCO DEL GIORNO

ALMANACCO DEL GIORNO

ALMANACCO DEL GIORNO

Almanacco di Giovedì 30 giugno 2016

Ventiseisima settimana

* Giorni dall’inizio dell’anno: 182 * Giorni rimanenti alla fine dell’anno 184

A Roma il sole sorge alle 04:38 e tramonta alle 19:49 (ora solare)

A Lecce il sole sorge alle 04:57 e tramonta alle 19:24  (ora solare)

 

OGGI SI FESTEGGIA

SS. Primi Martiri

 

ACCADDE OGGI

1934 – Notte dei lunghi coltelli: Reprimere ogni forma di dissenso interno al regime nazista e al folle progetto di conquista di Adolf Hitler. Obiettivo che spinse quest’ultimo a ordinare il Röhm-Putsch, ossia l’epurazione di centinaia tra vertici delle Squadre d’assalto, oppositori ed ex compagni politici del Führer.

Passata alla storia come Notte dei lunghi coltelli, il blitz fu posto in atto dalla Gestapo e dalle SS, nella notte tra il 29 e il 30 giugno 1934. Si parlò ufficialmente di 71 persone assassinate, ma il numero doveva essere ben più alto e stimato tra 150 e 200.

 

AVVENIMENTO SPORTIVO

2002 – Il Brasile conquista il quinto Mondiale di calcio: Nello stadio di Yokohama, in Giappone, con una doppietta di Ronaldo, il Brasile vince la finale contro la Germania, arbitrata dall’italiano Collina, e conquista il suo quinto titolo mondiale. La FIFA World Cup è per la prima volta organizzata da due nazioni, Corea del Sud e Giappone. Per il Brasile è una vittoria che vale la quinta stella sulla maglia (i precedenti sono nel 1958, 1962, 1970 e 1994).

L’Italia, superata la prima fase, classificandosi seconda dietro al Messico, perde negli ottavi di finale con la Corea del Sud per 2 a 1. I padroni di casa superano poi la Spagna per 5 a 3, dopo i calci di rigore, ma in semifinale perdono contro la Germania.

Nella finale per il terzo posto, gli asiatici perdono con la Turchia, conquistando comunque un prestigioso quarto posto. È il miglior risultato per i coreani (su otto partecipazioni) e lo è anche per i turchi, con il loro terzo posto (su due sole presenze alla fase finale della Coppa del Mondo).

 

NACQUERO OGGI

1933 – Lea Massari – attrice

1966 – Mike Tyson – pugile

 

FRASE CELEBRE

Porgi l’orecchio al povero e rispondigli al saluto con affabilità. (Siracide)

 

IL PROVERBIO

Gli occhi sono la finestra dell’anima

 

IL SEGNO ZODIACALE

Cancro (22 giugno – 22 luglio)

Se aveste il buon senso di affrontare un problema alla volta, sicuramente otterreste risultati migliori e non vi sentireste così sotto pressione. Ritagliatevi degli spazi di tempo libero e di riflessione per sviluppare nuove strategie atte a risolvere brillantemente alcune situazioni legate al lavoro.

Amore: In amore riuscirete a conquistare le prede più ambite grazie al fascino magnetico che vi assicura Venere nel segno dello Scorpione. Non lasciatevi sfuggire di mano alcuna occasione di incontro.

Salute: Dovreste prendervi un periodo di pausa e relax o dedicarvi maggiormente a voi stessi, al vostro benessere personale. Amministrate con molta parsimonia le vostre scarse energie e cercate di non eccedere a tavola o nelle bevande.

Rapporti con gli altri: Anche se non mancherà un dialogo costruttivo tra voi e le persone che vi sono vicino, vi saranno da parte vostra momenti di insofferenza. Qualcuno potrebbe non gradire il vostro spirito critico. Siate più comprensivi e attenti nei suoi confronti.

 

I DOODLE DI GOOGLE

La mente prigioniera di Czeslaw Milosz: Nell’Europa dell’est, soffocata per quarant’anni dal regime militare dell’Unione Sovietica, diverse voci della cultura e dell’arte uscirono dal coro in difesa della libertà di pensiero e di espressione. Una delle più importanti fu quella del poeta polacco Czesław Miłosz, che si formò nell’ambito del gruppo letterario d’avanguardia Grupa Zagarow e nel solco della grande tradizione russa, da Dostoevskij a Pasternak.

Raggiunta la piena maturazione poetica con la raccolta Salvazione (1945), con il saggio La mente prigioniera denunciò al mondo la condizione di asservimento ideologico degli intellettuali nelle repubbliche d’ispirazione marxista. La sua preziosa opera lo portò nel 1980 al massimo premio letterario, il Nobel, la cui assegnazione venne salutata dagli operai del movimento anticomunista Solidarnosc con la lettura di una poesia di Milosz. Un doodle locale (visibile in Polonia), pubblicato da Google nel 2011, ne ha celebrato il centenario.

Condividi con:

redazione.lecceoggi@gmail.com

No Comments

Leave A Comment