Lecceoggi.com - Attualità, cronaca e curiosità in tempo reale dalla provincia di Lecce.
HomeSportIL BASEBALL SUL GRANDE SCHERMO

IL BASEBALL SUL GRANDE SCHERMO

IL BASEBALL SUL GRANDE SCHERMO

img235

le precedenti punate sono state pubblicate il primo e 9 giugno

 

Ma il connubio tra cinema e baseball ha origine antiche a partire dal 1898 quando la Edison Manufacturing Companyprodusse “The Ball Game” un cortometraggio muto in bianco e nero su una sola bobina esclusivamente in stile documentaristico. L’anno successivo, 1899, la Edison realizzò“Caseyat the bat”, una ironica ed appariscente contestazione di un battitore contro l’arbitro dopo essere stato giudicato Strike out e quindi senza alcun riferimento alla famosa omonima ballata scritta dal poeta Ernest Lawrence Thayer (1863-1940). Narra la storia che le parole usate per questo corto di 8 minuti siano state 70. In seguito invece il poema inerente la irriverente ed immaginaria storia di MightyCasey, atletico e piacente giocatore di baseball che nel momento top della gara perde il suo innato talento scontentando pubblico e se stesso, ebbe interpretazioni e vita nel 1913 in un corto diretto da James Young e prodotto dalla Vitagraph Company of America. La ballata, uscita sulle pagine del San Francisco Examineril 3 giugno del 1888, con ironia ed appropriato slang divenne di fatto l’incipit dell’interesse popolare del gioco del baseball e sia il mondo del cinema sia del teatro più volte ed a piene mani hanno conformato lo spirito dell’idea a spettacolo puro. Così nel 1916 è l’attore-regista Lloyd Ingraham a realizzare un film, sempre muto ed in bianco e nero, su Casey. Poi nel 1922 è la volta di Lee De Forest ad interessarsi del personaggio in un cortometraggio in bianco e nero e nel 1927, diretto da Monte Brice, il film “Caseyat the bat” viene prodotto dalla FamousPlayers Corporation e distribuito dalla Paramount. Posto nell’oblio il cinema muto, ecco che “Caseyat the bat” si esalta nel 1946 in un corto di 9 minuti supervisionato dalla Walt Disney Production e diretto da ClydeGeronimi. Sulla colonna sonora il canto di Jerry Colonna schiude i segreti della ballata e le scene realizzate dai cartoonist Homer Brightman ed Eric Gurney elevano il filmato al primo posto in senso assoluto tra i film inerenti il baseball. E MightyCasey ancora oggi si fa rivivere grazie a Tim Wiles, direttore della ricerca per la National Hall of Fame and Museum, che recita la ballata in una sua personale interpretazione visibile anche su you tube.

Michele Dodde

fine terza puntata

 

Condividi con:
Valuta articolo

redazione.lecceoggi@gmail.com

No Comments

Leave A Comment