Lecceoggi.com - Attualità, cronaca e curiosità in tempo reale dalla provincia di Lecce.
HomePoliticaCOMUNALI, COR AD EMILIANO: Un invito alla calma al Governatore di Puglia

COMUNALI, COR AD EMILIANO: Un invito alla calma al Governatore di Puglia

COMUNALI, COR AD EMILIANO: Un invito alla calma al Governatore di Puglia

comune-di-brindisi-

Smettila di offendere. hai perso, fattene una ragione i brindisini hanno bocciato le tue politiche regionali e il tuo candidato.

Il gruppo regionale dei Conservatori e Riformisti (Ignazio Zullo, Erio Congedo, Luigi Manca, Renato Perrini e Francesco Ventola) considerano scandalose e calunniose le dichiarazioni del presidente Emiliano sulle ragioni della sconfitta a Brindisi

Da presidente della Regione e da ex magistrato ci saremmo aspettati un comportamento diverso da Michele Emiliano, più rispetto delle Istituzioni e dei cittadini.

Invece, Emiliano, pur di non ammettere una pesante sconfitta personale e politica a Brindisi offende in  modo sgradevole e calunnioso Angela Carluccio e gli elettori che l’hanno scelta. Scandalose le sue dichiarazioni. Scandalose e volgari. Ma fin dalla vigilia del voto abbiamo assistito a una campagna mediatica che tentava di indurre gli elettori e i lettori a credere che la passata Amministrazione sostenesse la candidata sindaco sostenuta da noi Conservatori e Riformisti e liste civiche.

Interviste nelle quali Emiliano per giorni ha tentato di far passare l’idea che da una parte ci fossero i “santi” e dall’altra i “diavoli”, ma ora richiamando anche la Sacra Corona Unita il presidente è davvero andato fuori misura.

Emiliano se ne faccia una ragione: i cittadini hanno saputo non solo punire un candidato scelto da Emiliano non per le sue capacità ma perché strappandolo al campo avversario sperava di recuperare i voti di centro, vincendo al primo turno. Invece non solo il suo candidato è andato al ballottaggio, ma ha anche perso! Perché i brindisini, così come a Roma e Taranto, hanno bocciato il Pd e le politiche governative di Renzi e di Emiliano.

Se ne faccia una ragione, gli elettori hanno scelto la migliore proposta umana e politica.

Condividi con:

redazione.lecceoggi@gmail.com

No Comments

Leave A Comment