HomeSportMASSIMO CODA UFFICILAMENTE GENOANO 

MASSIMO CODA UFFICILAMENTE GENOANO 

MASSIMO CODA UFFICILAMENTE GENOANO 

L’ex bomber giallorosso ha già incontrato i nuovi tifosi e rilasciato le prime dichiarazioni.

La società del Lecce ha comunicato l’ufficialità del trasferimento del bomber al Genoa con un suo stringatissimo comunicato.

Il calciatore, già a Genova, ha rilasciato le prime dichiarazioni di rossoblù ed aspirante alla promozione in serie A cui ha rinunciati per ovvi motivi pratici.

“Lasciare Lecce e la Serie A non era una scelta facile, avevo tante proposte davanti a me e quando è arrivato il Genoa avevo visto la Gradinata Nord nell’ultima partita di Serie A e non mi sono potuto lasciar scappare l’occasione. La A volevo giocarmela quest’anno ma me la dovrò riguadagnare sul campo. Mi è stato chiesto di portare in alto i rossoblù”.

Con il comunicato ufficiale si è chiusa l’esperienza, felicissima, tra Lecce e Massimo Coda. Dopo la delusione della scorsa stagione al termine dell’ultima giocata il Lecce è tornato nel massimo campionato italiano e tutto lasciava pensare che anche per Massimo Coda sarebbe stato un ripresentarsi sui palcoscenici nazionali più importanti.

Invece il destino, nelle vesti di giuste ambizioni di altre società e gli altrettanti giusti motivi personali del calciatore non hanno consentito il proseguimento del rapporto e da oggi ognuno andrà per la sua strada.

Coda resterà, però, per sempre bella storia calcistica giallorossa perché nel corso di due campionati si è reso artefice di numeri da top player, (del resto ha vinto il premio) e con la maglia leccese ha anche vinto il premio “Paolo Rossi” istituito per la prima volta e da attribuire al capocannoniere stagionale.

I numeri cui mi riferisco sono 44 reti messe a segno e 19 assist serviti in 78 presenze.

Coda non è stato solo un cannoniere scelto, però, perché ad analizzare le sue gare di nota come oltre che andare così spesso in gol, sapeva anche fornire i compagni dell’ultimo illuminante passaggio finale così come sapeva partecipare al gioco corale della squadra impegnandosi dal primo all’ultimo minuto.

Coda, o l’Hispanico, com’è definito da compagni ed amici tifosi, non sarà più un giallorosso ma di sicuro rimarrà nella mente e nel cuore dei salentini alla stessa stregua di altri calciatori pur se rimasti a Lecce più a lungo.

Buona fortuna al Lecce ed a Massimo Cosa.

Condividi con:

luciani.2006@libero.it

No Comments

Leave A Comment