Lecceoggi.com - Attualità, cronaca e curiosità in tempo reale dalla provincia di Lecce.
HomeCronaca e AttualitàPorto Cesareo: Macchia mediterranea distrutta per creare posti auto

Porto Cesareo: Macchia mediterranea distrutta per creare posti auto

Porto Cesareo: Macchia mediterranea distrutta per creare posti auto

sequestro guardia costiera a Porto Cesareo

Il fatto in località Torre Chianca, sono stati sequestrati circa 7mila metri quadrati di area adibita illecitamente a parcheggio. Era sottoposta a tutela ambientale. Trovati anche numerosi rifiuti ordinari e speciali.

La macchia mediterranea è stata completamente distrutta dal passaggio di autovetture, ma è stata anche tagliata e persino incendiata di proposito per favorire la creazione di posti auto. E come se non bastasse, passaggi aperti attraverso le dune per consentire ai turisti di raggiungere comodamente dal parcheggio un noto stabilimento balneare di Porto Cesareo, in località “Torre Chianca”, a pochi passi dall’area interessata dai controlli della Guardia Costiera di Gallipoli che hanno acceso i riflettori sull’ennesimo schiaffo contro l’ambiente.
Nel corso di un sopralluogo, i militari hanno scoperto un’area di circa settemila metri quadrati adibita a parcheggio ma in assenza di qualsiasi titolo amministrativo. Pur di ottenere più posti auto non si è curato per nulla il fattore ambientale e sono stati deturpati luoghi sottoposti a vincoli di natura paesaggistica, danneggiando l’habitat naturale, modificando la morfologia della duna ed impermeabilizzando il terreno con interventi di natura edilizia. Come se non bastasse, lungo il “parcheggio” e sparsi sulle dune sono gli uomini della Guardia Costiera hanno trovato numerosi rifiuti  abbandonati, alcuni addirittura speciali.

I “trasgressori” sono stati deferiti all’Autorità Giudiziaria per aver operato in assenza di permesso di costruire, di autorizzazione paesaggistica, di valutazione di incidenza ambientale e di nulla osta in ordine al vincolo geologico presente in quell’area. Gli è stato inoltre contestato il reato di distruzione o deturpamento di bellezze naturali. Sono in corso, da parte dei militari della Guardia Costiera di Gallipoli, a seguito di richiesta del Pubblico Ministero procedente, Dottoressa Paola Guglielmi, le operazioni di sequestro dell’area,in esecuzione del Decreto di sequestro emesso dal Giudice per le indagini preliminari, Dottor Michele Toriello.

Condividi con:

redazione.lecceoggi@gmail.com

No Comments

Leave A Comment